LIBRI IN REDAZIONE / Biagio Arixi e la sua “Strega borghese”

LIBRI IN REDAZIONE / Biagio Arixi e la sua “Strega borghese”

Sergio Piscopo 

– Biagio Arixi è nato a Villasor (Cagliari), ma da anni risiede e lavora stabilmente a Roma. Autore di numerose raccolte poetiche, di romanzi e di racconti per ragazzi, tra i quali Il mago innamorato (Einaudi Scuola, 1988), Figlio di vescovo (Pironti Editore, 1988) e Peccati scarlatti (Croce Libreria, 2009), Arixi pubblica Strega borghese nel 2018 per Milena Edizioni. Seguito di Strega plebea (Arkadia Editore, 2012), Strega borghese racconta la storia di Carmen, una donna tanto affascinante quanto misteriosa ed enigmatica. Punto forte del romanzo è la sapiente commistione di occulto e soprannaturale, due elementi che si intrecciano continuamente, arrivando a fondersi in un intrigante gioco misterioso e in un’atavica ricerca del bene e del male.

Carmen è una strega diversa, che ha poco a che fare con le sue consorelle più lugubri e tenebrose che tanta letteratura gotica ha prodotto nei secoli scorsi. Tormentata dalla sua natura particolare, Carmen è la figlia del peccato, una coga, una strega del folclore sardo schernita e ripetutamente offesa dagli abitanti di Villasor. In Strega borghese, le vicissitudini di Carmen la porteranno a prendere coscienza di questa sua natura speciale e tale consapevolezza potrà affrancarla dall’incertezza di essere una creatura sibillina e avvolta da un’aura di mistero.

Mentre in Strega plebea Carmen è alla continua ricerca di sé stessa e delle cause delle sue visioni diaboliche e della sua abilità nel saper destreggiarsi con le erbe officinali e pozioni varie, in Strega borghese Carmen è ormai una donna matura, sebbene abbia ventitré anni, ben conscia delle possibilità offerte dai suoi singolari poteri, che la rendono una donna forte e per questo anche tenuta a debita distanza e ai margini della società intollerante in cui vive. Carmen è una strega buona, potremmo dire, la rappresentazione vivente di quelle Janas, figure mitologiche dal sembiante di fata evocate dai costumi sardi, che si serve della magia per buoni propositi, senza scopi perniciosi.

Biagio Arixi ha saputo tessere la trama di un intreccio avvincente e affascinante, plasmando un’eroina dal fascino inusuale, continuamente ossessionata dalla sua natura e dalle sue facoltà innate. Tra amuleti, visioni ferali, ombre oscure, segreti inconfessabili, sortilegi, presunti incesti e innumerevoli traversie, l’autore sorrese ci svela un universo che cattura le fantasticherie del lettore, che accompagna per mano alla scoperta del folclore sardo, delle tradizioni ancora vive del suo paese natio, utilizzando sagacemente la lingua sarda, la quale dona al romanzo una sfumatura esotica e quasi primordiale, primitiva.

La storia di Carmen e di tutti i personaggi della storia progredisce sullo sfondo della Seconda guerra mondiale. Malgrado i bombardamenti e le disastrose statistiche di guerra che confermano la perdita di migliaia, addirittura di milioni di vittime, la storia contemporanea sembra solo identificare il periodo storico specifico, senza che questo condizioni fortemente la vita dei personaggi. Arixi preferisce concentrarsi sulle faccende intime e segrete della sua eroina, la quale è l’evocazione diretta e spirituale di tutta la sua gente, l’omaggio devoto alla Sardegna, il misticismo arcano che la sua terra sprigiona da ogni costa, da ogni nuraghe, da ogni vento provvidenziale, da ogni ballu tundu.

Resta da chiederci quale sia la vera natura di Carmen, quale strega o abile donna si nasconda dietro l’attrazione delle sue morbide carni e del suo sguardo penetrante. Carmen è forse la Sardegna stessa, il compendio culturale più generoso e genuino che Arixi potesse donarci e tradurci nelle fattezze della sua eroina, il mondo nascosto e talvolta perverso dei costumi locali. Biagio Arixi stipula così un contratto sinallagmatico col suo lettore, impegnandosi a dargli tutto ciò e aspettandosi in ritorno l’impegno da parte sua di non smettere di seguire con passione e con zelo le sue storie e la sua interessante poetica.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7603 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Edizioni Spartaco, l’amore per i libri viaggia su facebook

Paola Schilirò – E’ per le 19 l’appuntamento sul web con le Edizioni Spartaco di Santa Maria Capua Vetere che lasceranno virtualmente la storica sede della libreria in via Martucci 18.

Primo piano 0 Comments

Natale, festa per i bambini in ospedale. Arriva la fanfara

(Beatrice Crisci) – “E’ Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. E’ Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro. E’ Natale

Attualità 0 Comments

Caserta. Brrr, la Befana congela il Natale di Gusto!

(Redazione) – Saranno comunicate nei prossimi giorni le date degli spettacoli della rassegna Natale di Gusto rinviati a causa dell’allerta meteo diramata dalla Protezione Civile della Regione Campania. Allerta che

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply