Napoletano? E famme ‘na pizza, Salemme al Teatro Comunale

Napoletano? E famme ‘na pizza, Salemme al Teatro Comunale

Claudio Sacco

-Ritorna al Teatro Comunale di Caserta Vincenzo Salemme. Lo spettacolo “Napoletano? E famme ‘na pizza!” scritto, diretto ed interpretato dallo stesso attore andrà in scena da venerdì 26 novembre (ore 20,45) a domenica 28 (ore 18). Con Salemme, anche Vincenzo Borrino, Sergio D’Auria, Teresa Del Vecchio, Antonio Guerriero scene e costumi Francesca Romana Scudiero musiche Antonio Boccia in collaborazione con Valeria Esposito per “Chi è di scena s.r.l.”. Vincenzo Salemme spiega: “Napoletano? E famme ‘na pizza” è uno spettacolo che nasce dal mio libro uscito con lo stesso titolo agli inizi di marzo. Titolo che fa riferimento ad una battuta di una mia commedia teatrale, “E…. fuori nevica”, nella quale uno dei personaggi chiede al fratello di dimostrare la sua presunta napoletanità facendogli una pizza. E sì, perché ogni buon napoletano deve saper fare le pizze, deve saper cantare, deve essere sempre allegro, amare il caffè bollente in tazza rovente, ogni napoletano che si rispetti deve essere devoto a San Gennaro, tifare Napoli, amare il ragù di mamma’… e via così con gli stereotipi che rischiano di rendere la vita di un napoletano più simile ad una gabbia che ad un percorso libero e indipendente.

Tutte le città vivono sulla propria pelle il peso degli stereotipi ma Napoli più di ogni altra. E, molto spesso, sono i napoletani stessi a pretendere dai propri concittadini una autenticità così ortodossa da rischiare l’integralismo culturale. Allora io con questo spettacolo provo a capire, in chiave ironica, se sono un napoletano autentico o un traditore dei sacri e inviolabili usi e costumi della nostra terra. Cominciando dalla confessione di un primo tradimento, una sorta di peccato originale che rischierebbe di intaccare la mia immagine di attore comico napoletano. Così, il più delle volte, mi definiscono quando mi presentano da qualche parte. Ed io, il più delle volte sto zitto. Ebbene, confesso il mio peccato: io non sono nato a Napoli ma a Bacoli, in provincia di Napoli! Quindi questo che vuol dire? Che non sono napoletano d.o.c.? Significa che da anni usurpo un titolo culturale? Voglio cercare con voi la risposta a questa domanda: “sono” napoletano o “faccio” il napoletano? Aiutatemi!

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Virginia Woolf, intensa giornata di studio al liceo Manzoni

(Comunicato stampa) -“A woman must have money and a room of her own if she is to write fiction”: certamente la frase più paradigmatica del saggio che Virginia Woolf pubblicò,

Primo piano

Alessandro Meluzzi a Caserta, l’omaggio a Luigi Vanvitelli

Tiziana Barrella -“Caserta e le Campania si candidano ad essere rinomate non soltanto per le cose tristi che si dicono sulla terra di lavoro, che non è soltanto terra dei

Primo piano

Green Caserta e Che Storia, tanti i bimbi in Villetta Padre Pio

Maria Beatrice Crisci -Tanti i bimbi ieri in villetta Padre Pio  per l’evento «Con le mani nella Terra. Leggo, ascolto, osservo, conosco». L’iniziativa organizzata dal Green Caserta e Che Storia-Libreria