Napoli, una città da conoscere e documentare

Napoli, una città da conoscere e documentare

(Redazione) – Sabato 10 settembre l’associazione Hurbana e Luca Sorbo, docente di fotografia all’Accademia di Belle Arti, realizzeranno una passeggiata consapevole nella zona industriale alle spalle della Stazione Centrale fino a raggiungere il parco dei murales a Ponticelli.

Questo evento si inserisce in un più ampio programma di documentazione della città di Napoli che, ancora in fase iniziale, Luca Sorbo sta realizzando con i suoi allievi sia dell’Accademia di Belle Arti sia della Scuola di Cinema e Fotografia Pigrecoemme. Sono stati già organizzati dei gruppi di lavoro su via dei Tribunali, sul mercato dei Vergini e la Sanità, su Gianturco e su Soccavo. Luca Sorbo insegna fotografia da oltre 15 anni ed ha avuto più di mille allievi e quindi ha pensato di utilizzare queste straordinarie energie per soddisfare le esigenze creative dei fotografi e di costituire una grande banca dati sulla città di Napoli. Un progetto simile si sta anche realizzando in provincia di Caserta e in particolare nell’Alto Casertano, infatti domenica 25 settembre sarà organizzata una passeggiata fotografica a Capua.  Di solito si cerca di coinvolgere nel progetto chi vive in un determinato quartiere e poi si prova ad organizzare delle passeggiate ed in seguito delle mostre ed eventualmente delle pubblicazioni. Il progetto è molto ambizioso ed è ora in una fase iniziale. Il lavoro è un indagine sui luoghi che spesso sfuggono all’attenzione di chi non li vive in prima persona. Luoghi che mostrano i segni dell’abbandono e della resa; luoghi che sono tuttavia capaci di una loro vitalità non comune, sotterranea ma tenace.
E la storia dei quartieri orientali di Napoli, la storia della Zona Industriale, di San Giovanni a Teduccio, di Barra, di Ponticelli, è una storia di percorsi complessi, intrecciati, interrotti e riannodati più volte. Tra bonifiche e urbanizzazione, i destini del difficile sogno industriale di Napoli e le vicende dagli esiti talvolta disastrosi dell’edilizia popolare di iniziativa pubblica ne sono i temi profondi. Senza dimenticare che la zona orientale è anche il luogo dove in modo più tormentato si radica il raccordo e la transizione tra Napoli e quella “metropoli dimenticata” che è l’area vesuviana.
Noi proveremo a seguire alcuni di questi temi esplorando in prima persona, come sempre, lo spazio urbano, lasciandoci guidare dalle due grandi direttrici i cui nomi significativamente alludono alla storia idrogeologica (via Argine) e alla destinazione industriale dell’area (via Galileo Ferraris).
Lo sguardo che rivolgeremo ai luoghi sarà non soltanto un esercizio di curiosità e di conoscenza, ma uno sguardo che “sceglie”, che raccoglie, che affida alla memoria. Uno sguardo dunque che è anche quello della fotografia.

La prossima passeggiata sarà organizzata il 3 ottobre nel quartiere Sanità.

sorbo-2                                 sorbo-3                    sorbo-4

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

In estate la grande lirica alla Reggia di Caserta

(Enzo Battarra)            “Due sono gli sforzi organizzativi enormi che stiamo portando avanti. Il primo è quello relativo alla mobilità e ai trasporti, il secondo è quello

Primo piano

Vinicio Capossela, primo ospite big del Settembre al Borgo

Claudio Sacco – Si alza il sipario sul Teatro della Torre per il Settembre al Borgo 2018. Ancora una volta la rassegna trasformerà Casertavecchia in un grande palcoscenico a “cielo

Primo piano

Estate 2020. Skiply, l’app casertana per vacanze in sicurezza

Il Coronavirus non placa la voglia di mare. Anzi, lo stress da isolamento domestico, l’innalzamento delle temperature e il calo vertiginoso dei contagi sta riaccendendo il desiderio di partire. Esclusi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply