Non ho mai tempo! Ma sarà proprio così vero? E tu cosa dici?

Non ho mai tempo! Ma sarà proprio così vero? E tu cosa dici?

Armando Rispoli (psicologo e psicoterapeuta)

-Tutti noi viviamo vite piene e spesso ci troviamo a dire “non ho tempo per fare questo”, “scusa ma non ce l’ho proprio fatta”. Ci trinceriamo dietro alla scusa del NON HO TEMPO, e lo facciamo sia con noi stessi, sia con gli altri. Eppure andiamo sempre di corsa, facciamo mille cose, questa fretta dovrebbe permetterci in teoria di fare tutto prima e di avere più tempo libero poi ed invece ci ritroviamo a fine giornata ad aver fatto tantissime cose certamente ma con la percezione di averne trascurate o la delusione di averne rimandate altrettante. Ma sarà poi vero che non abbiamo tempo? O dire di non avere mai tempo è diventata una abitudine, una scusa dietro la quale ci nascondiamo, una sorta di protezione dalla paura, probabilmente del cambiamento, la paura del nuovo, per cui lasciamo che la fretta ricopra tutto? Sin da bambini veniamo caricati di aspettative, di proiezioni da parte degli altri, di doverizzazioni e di impegni sempre maggiori man mano che diventiamo adulti, modi di riempire il tempo che non permettono una autentica espressione delle nostre originalità. E’ instillata in noi l’esigenza di crescere lavorativamente, di adeguarci socialmente, di maturare in fretta e di produrre al massimo. Viviamo una continua ipnosi di massa che ci fa credere che per essere felici bisogna saper correre, accelerare senza tregua, guadagnare sempre più, avere oggetti,  uniformarsi e scalare i vertici. Un’ipnosi che ci fa vivere in una dimensione superficiale, distante da un contatto vero, poco consapevoli e distratti. E’ proprio l’incontro puro con noi stessi e con le nostre verità che ci spaventa e che ci fa rifugiare nella spesso rassicurante, ma fortemente alienante abitudine a riempire il tempo.

Bisognerebbe invece iniziare a smascherare le nostre false convinzioni, portando più  consapevolezza nella nostra vita perchè sono tantissime le influenze che incidono sul nostro modo di viverla. Una tecnica per farlo è quella di scrivere su un foglio a fine giornata le attività che abbiamo svolto ed il tempo che vi abbiamo dedicato. Successivamente possiamo attriburie da 1 a 10 un voto di priorità e provare a sostituire le meno prioritarie con attività più lente, più rilassanti. In questo modo iniziamo davvero a smascherare le nostre false convinzioni e comprendere più da vicino le reali difficoltà che abbiamo nel ritagliarci il tempo osservando il dialogo interno che deriva da questo esercizio contro-abitudinario. Solo imparando a focalizzare le nostre priortà, le nostre mete, i passaggi da effettuare per arrivarci e il tempo necessario per arrivarci ci allontaneremo gradualmente dalla logica del “non ho mai tempo”. Rallentare, respirare, passeggiare, meditare, conversare è diventato paradossalmente  molto difficoltoso ma allo stesso tempo è un processo necessario per imparare a conoscersi e ad uscire dalla spinta al correre incessantemente. Scopriremo un giorno, dando priorità alle cose realmente importanti per noi, di avere a disposizione molto più tempo di prima! Ma soprattutto scopriremo la magia del recuperare il tempo dello stare senza fare.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7603 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale

L’uomo, quella scimmia nuda che si deve proteggere dal sole

Testo di Enzo Battarra, l’immagine di copertina è l’opera di Dennis Oppenheim Reading position for second degree burn,  1970 – “Questo sole non mi riscalda più”, cantava Albano un bel po’ di anni fa

Editoriale 0 Comments

Validità o meno degli studi classici? Una sola risposta

(Beatrice Crisci) – Ogni conquista attuale, ogni invenzione, ogni scoperta è il frutto di una storia collettiva. Per quanto il mondo oggi vorticosamente proponga sempre più novità tecnologiche, questa stessa

Editoriale 0 Comments

Caserta città regale, prossimamente reale. I meriti di Felicori e di De Luca, la scelta profetica della Nona

(Enzo Battarra) – Poche stelle a fare da tetto alla Reggia. Forse perché erano troppe a brillare sul maxipalco allestito nel primo cortile. L’orchestra e il coro erano quelli del

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply