Personale di Rosy Rox da Paola Verrengia a Salerno

Personale di Rosy Rox da Paola Verrengia a Salerno

La Galleria Paola Verrengia inaugura venerdì 10 giugno alle ore 19 la personale di Rosy Rox dal titolo Vuoti d’ombra, a cura di Antonello Tolve.

L’artista Rosy Rox (Napoli, 1976) nell’ambito della sua ricerca affronta dagli inizi della carriera i temi della vita e della perdita, della consistenza e inconsistenza del corpo e del tempo, servendosi di linguaggi e strumenti diversi, soprattutto di azioni performative, di cui è una delle protagoniste attuali più interessanti, ma anche di sculture, disegni e opere di dimensioni ambientali. “Un sottile gioco di rimandi ha portato nel corso degli anni Rosy Rox ad alternare sapientemente nel suo percorso l’immissione narcisistica del proprio corpo all’ostensione dei suoi simulacri per poi estendersi, progressivamente, ai simboli e alle metafore ad esso legati” (Eugenio Viola, 2016).
Nel 2012 ha vinto con l’opera “Tempo interiore” – un orologio “tagliente” composto da tre lancette/lame di coltello di diverse dimensioni agganciate al vecchio quadrante della Piazza d’Armi di Castel Sant’Elmo – il primo premio del concorso nazionale per giovani artisti “Un’Opera per il Castello”, promosso dalla Soprintendenza speciale per il polo museale di Napoli. Ha esposto in varie istituzioni pubbliche e private in Italia e all’estero.

Nella personale Vuoti d’ombra Rosy Rox – dal 2009 collabora con la Galleria Paola Verrengia – “invita lo spettatore a percorrere un nuovo viaggio tra ombre variabili e metalliche” (testo Antonello Tolve), realizzando un percorso espositivo nel quale convivono opere in un gioco di ombre tra un ieri prossimo e l’oggi. Si parte da Credo (2013), un ventaglio fatto di lamette uno dei cosiddetti “oggetti “crudeli” della sua produzione, per passare a lavori dedicati ai concetti di tempo e ombra con le sculture Soffio Vitale (2016), Corpo d’ombra (2016), i disegni della serie Ombre di memoria (2015-2016), accompagnati da alcune foto della recente performance Frammento archetipo, realizzata e prodotta dall’Associazione Culturale Dello Scompiglio a Lucca (maggio 2016).

La nuova installazione Vuoti d’ombra (2016) – che dà il titolo alla personale ed è stata realizzata per l’occasione – prende spunto dallo studio del passaggio del tempo nel meccanismo della Meridiana e in particolare di quella francese. L’opera a parete, realizzata in alluminio, acciaio e ferro, di-segna in maniera “tagliente” un’ora/ombra, provocata da luce artificiale, di un tempo presente catturato in un luogo specifico, la galleria.
L’ombra per Rosy Rox in quanto immagine, fa le veci di ciò che la proietta e ne diventa un duplicato. È il lato oscuro o “Dark Side”, che come un doppelgänger, nel senso di chi cammina al nostro fianco, si affianca alla realtà rappresentata. “Come un sogno ad occhi aperti […] che disegna fughe, sembianze o apparenze paradossalmente tangibili e godibili, il nuovo progetto di Rosy Rox dedicato ai vuoti è elegante indagine sulle metamorfosi delle cose, sui simboli e sulle metafore che costellano il quotidiano, sui frammenti di una spietata topia che si fa discorso amoroso, leggerezza, lievità, libertà” (testo Antonello Tolve).

Orario galleria: lunedì/venerdì: 17:00 – 20:30; sabato: 17:00 – 21:00

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7143 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Quando la poesia si fa pittura, le opere di Prisco De Vivo

(Beatrice Crisci) – “Quelli di Prisco De Vivo sono leggeri e delicati pensieri visivi, frammenti di emozioni poetiche trasposte con il linguaggio delle arti visive: il suo tratto veloce, le

Arte

Il giorno del merlo, come ogni 21 marzo Saviano gli fa la festa

Enzo Battarra -Il merlo fischia, continua a fischiare, nonostante tutto. Ogni anno si celebra a Saviano, nel Nolano, la Festa nazionale per la liberazione del merlo maschio, ideata dall’editore Antonio Sgambati e dall’artista Felix

Arte

La Reggia come fabbrica di arte. Inaugurata Oltre Terrae Motus

(Maria Beatrice Crisci) – «Mi piacerebbe che la Reggia diventasse una fabbrica di arte. Mi piacerebbe invitare artisti che poi lavorassero anche qui dentro. Dunque, la Reggia non solo come

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply