“Quattro sante” in scena, Gertrude Stein al teatro Elicantropo

“Quattro sante” in scena, Gertrude Stein al teatro Elicantropo

(Claudio Sacco) – “Quattro sante in tre atti” di Gertrude Stein è lo spettacolo in scena a partire da giovedì 16 marzo alle ore 21 al Teatro Elicantropo di Napoli. Sfidare, decostruire, restituire realtà, sono gli elementi fondamentali dello spettacolo, ispirato all’opera della scrittrice e poetessa statunitense. Repliche fino a domenica 19.

QUATTRO SANTE IN TRE ATTI - Susanna Poole, Giorgia Palombi_01Due personaggi femminili “sfidano” il pubblico, ma anche il modo di iniziare la pièce. La regia è di Giorgia Palombi, anche interprete con Susanna Poole e Sabrina Bonomi, che debutterà. Presentato da Maniphesta Teatro, l’allestimento stesso è sfidato nel suo svolgimento, nei suoi codici, nella sua forma. E il senso è sfidato, il senso profondo del fare teatro.

L’arma di questo confronto – si legge in una nota inviata alla stampa – è il linguaggio che esplode ad ogni passo. Esplode la sintassi, che costringe a percorrere sempre lo stesso solco di percezioni e di significati, la forma della frase e della parola, la logica della comprensione, e, di conseguenza, i contenuti.

Le alchimie sperimentate con elementi del discorso mai accostati, ripetizioni, varie combinazioni e incastri, costituiscono una violazione della grammatica, che non rappresenta un espediente per stupire, ma un mezzo per ritrovare la libertà attraverso un rinnovamento decostruttivo che si rinviene in tutte le opere di Gertrude Stein.

In questi tre quadri con breve intermezzo, ispirati all’opera “Quattro santi in tre atti” l’autrice e con lei la regista Giorgia Palombi e l’attrice Susanna Poole invitano a una non storia drammatica e comica, intrisa di atmosfere da tableaux vivants, dove maestra di cerimonie di un rap ante litteram è Teresa d’Avila.

Ma perché i santi di Spagna? Per Gertrude Stein “la condizione degli artisti totalmente dediti alla loro arte corrisponde in pieno alla vita dei santi, la purezza della devozione dell’artista nei confronti dell’arte riflette lo stato della vita religiosa, gli artisti e gli scrittori esprimono la spiritualità contemporanea”.

Il primo dei tre atti dello spettacolo è una provocazione sul rapporto tra emozione dello spettatore ed emozione dell’attore. Attingendo a un saggio della stessa autrice, in cui sono spiegate le motivazioni profonde del teatro come la Stein lo concepiva, la messinscena cerca di dimostrare la differenza tra uno shock vissuto nella vita reale e la funzione di un’azione scioccante in scena.

Il secondo è un vero e proprio estratto/assaggio del testo della Stein “Quattro santi in tre atti”,  dove le protagoniste sono Santa Teresa e Santa Sistemazione.

Il terzo quadro offre un chiarimento di quanto proposto nei primi due. Giorgia Palombi e Susanna Poole vestono i panni di Gertrude Stein e di Alice Toklas, sua compagna nella vita e sua musa ispiratrice, per far comprendere al pubblico che “il tempo è così come potrebbe essere lasciato stare, quando era stato che fu quando se n’andò via”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

La Musica Dipinta al Comunale di Caserta, domani lo show day

Claudio Sacco – Cresce l’attesa per «La Musica Dipinta. Paralipomeni di una sinestesia» l’evento in programma per domani venerdì 27 dicembre alle ore 20,30 al Teatro Comunale Costantino Parravano di

Spettacolo 0 Comments

Campania Teatro Fest, c’è Pandora in scena a Capodimonte

Claudio Sacco -Continuano gli appuntamenti del Campania Teatro Festival diretto per il quinto anno consecutivo da Ruggero Cappuccio. Domani arriva sul palco Praterie della Capraia (Porta Miano) del Museo e

Attualità 0 Comments

Feriae Augusti, il riposo dell’imperatore è ora la festa di tutti

Luigi Fusco -Il nome della festività di Ferragosto proviene dal latino “feriae Augusti”, cioè il riposo di Augusto,  e venne istituita in onore dell’imperatore Ottaviano Augusto, nel 18 a.C., da

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply