Ricordi dal palcoscenico, il libro di Sarnelli al Buon Pastore

Ricordi dal palcoscenico, il libro di Sarnelli al Buon Pastore

-Martedì 11 ottobre, alle ore 17,15, nella Sala Moscati della Parrocchia del Buon Pastore di Caserta (Piazza Pitesti), Nando Santonastaso, già responsabile della redazione casertana de Il Mattino, modererà e coordinerà la presentazione del libro di Umberto Sarnelli Ricordi dal palcoscenico – Brevi notazioni sul teatro a Caserta. Ad affiancare l’Autore saranno la professoressa Lucia Monaco, consulente onoraria del Comune di Caserta per le biblioteche e il Patto per la lettura, e il professor Fausto M. Greco, autore della Prefazione.  Si riportano pochi passi significativi della Prefazione e dell’Introduzione e una breve nota biografica dell’autore.

L’autore scrive: «Questa succinta, e decisamente incompleta, storia del teatro casertano è nata con l’intento di fissare su carta ricordi di eventi che probabilmente sarebbero andati persi e di esaminare pertanto il periodo compreso tra i primi anni Settanta e la fine degli anni Ottanta, quando una sorta di rinascita culturale cominciava a profilarsi a Caserta». Purtroppo questa specie di rinascita è durata solo un ventennio. Poi, nonostante la nascita del “Settembre al Borgo” (1971) e l’inizio della “Stagione Teatrale Città di Caserta” (1982), la città è sprofondata in un nuovo periodo di “latenza” che si è trascinato fino agli inizi degli anni ‘90, quando, grazie alla formazione di alcuni gruppi di notevole valore artistico, si assiste a un “risveglio” che investe le attività teatrali e non solo.

Dalla Prefazione di Fausto M. Greco

I Ricordi dal palcoscenico di Umberto Sarnelli ricostruiscono, a partire dall’età postunitaria, una storia del teatro a Caserta: spettacoli, compagnie, luoghi e attività di sale teatrali e cinematografiche. È una vicenda di cui, a partire dagli anni Settanta, Sarnelli è stato testimone attivo. L’autore ne ripercorre le tappe con lo stile giornalistico che gli è congeniale e con l’attenzione di chi in questa città ha messo il suo impegno culturale e lo ha fatto insieme a una generazione che in tutta Italia, e nel Sud in particolare, si riappropriava degli studi sul folklore, sulla maschera, sulle tradizioni della pratica scenica e spettacolare.

Tuttavia anche altri ricordi, più recenti, mi legano a molte delle esperienze di cui si discute nel libro di Umberto Sarnelli: le numerose occasioni in cui, come giovane collaboratore del quotidiano Il Mattino, ho seguito i concerti di molti degli artisti menzionati nelle pagine che seguono: La Nuova Compagnia di canto popolare, Fausto Mesolella e gli Avion Travel, Ferdinando Ghidelli e Pietro Condorelli; poi ancora le mostre di arte contemporanea, le rassegne di Settembre al borgo e delle Leuciane, le stagioni teatrali promosse dalla Compagnia “La Mansarda” in varie sale teatrali, quelle del Piccolo Teatro CTS, della Bottega del teatro, del Teatro Civico 14 e di Officina Teatro.

Laureato in Lettere, Umberto Sarnelli si avvicina al teatro in giovane età. A soli 13 anni, infatti, partecipa, con la filodrammatica dei Salesiani diretta da Enzo Napolitano, alla commedia dal titolo Ad ovest del Mincio, e l’anno successivo, con la stessa filodrammatica, partecipa alla messa in scena della commedia gialla Il Krismalese. A 18 anni, sempre in ambito salesiano, firma la regia di uno spettacolo per ragazzi delle scuole medie, dal titolo Ragazzi in Toga, col quale vinse il primo premio a un festival tra filodrammatiche di oratori salesiani. 

Uscito dai Salesiani fonda con gli amici e colleghi delle ACLI di Caserta il gruppo di teatro amatoriale “La Piccola Ribalta Enaip”, che diventerà poi il Teatro Popolare Casertano, che opererà fino al 1986. In questi anni alterna l’attività teatrale a quella televisiva in qualità di ideatore e conduttore, con l’amica Silvia Arena, di programmi televisivi – Tombolando, Supponiamo che…, La disfida intermedia, La coppia scoppia – in onda su diverse emittenti casertane: Telecaserta (oggi Canale 10), Teleluna, Antenna 3. Dopo il 1986 si dedica esclusivamente alla critica teatrale, scrivendo per molti giornali locali. A metà degli anni ‘90 inizia la collaborazione con la redazione casertana de Il Mattino. Per circa 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale di politica e cultura Il Caffè. Alla fine degli anni ‘90 è stato, per tre anni, commissario selezionatore, per il Sud Italia, del festival di teatro amatoriale di Schio. 

Ragguardevole la sua attività di conferenziere, sempre sul teatro e soprattutto su Eduardo e Viviani: è stato ospite di numerose associazioni culturali (Accademia Olimpia, Rotary, Auser, 50 & Più. Biblioteca Comunale di Maddaloni, Centro Culturale “Mazzini-Rosselli-Parri”), ma ha anche tenuto, agli inizi degli anni 2000, una lezione per gli ospiti del carcere minorile di Airola dal titolo “Il teatro del disagio”, e, in collaborazione con la prof. Marisa Ricciardelli, ha condotto un laboratorio teatrale per gli alunni del Liceo Classico “Pietro Giannone” di Caserta dal titolo “Leggere il Teatro”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9696 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Operazione Mare-Cielo. Obiettivo migliorare la balneabilità

-Il summit di lavoro dal titolo “Operazione Mare-Cielo: Per una migliore balneabilità” si è svolto mercoledì 9 Marzo presso Cumeja Beach Club & Hotel di Baia Domizia. Ha aperto i

Primo piano

E la Reggia va! Quarta tra i monumenti più visitati d’Italia

Maria Beatrice Crisci -La Reggia di Caserta quarto museo più visitato d’Italia nella giornata di domenica 23 aprile. 11,346 i visitatori del monumento vanvitelliano alla vigilia del ponte del 25

Primo piano

La speranza va seminata, alla Jean Monnet progetto sul verde

(Luigi D’Ambra) – Sarà presentato domani martedì 11 aprile alle 10 presso la sede del Dipartimento di Scienze Politiche Jean Monnet il progetto Seminare speranza. E’ questo un progetto promosso