Risorgere è trascendere. Il vero volto di Dio

Risorgere è trascendere. Il vero volto di Dio

(Samuele Ciambriello) – Pasqua è un’esperienza di fede, rivela chi è Gesù di Nazaret. Il Cristianesimo non è una dottrina morale, una dottrina teologica su Dio. Esso nasce e si sviluppa da questa fondamentale proclamazione: Gesù Cristo crocifisso è davvero risorto. Risorgere, però, non è rivivere, ritornare a questa vita. Risorgere è trascendere questa vita e superare la morte per sempre. Dobbiamo essere realisti, a volte percepiamo come se Dio ci abbandonasse, ci lasciasse soli in questa valle di lacrime. Qualche volta ci chiediamo anche dove sia la ricompensa per tutto il bene che facciamo. Ecco più che fare domande pensiamo in questa Pasqua a fargli compagnia. Il Risorto, l’eternità nel tempo storico ci aiuta a ritrovare noi stessi. Con la Pasqua ogni abisso del mondo,ogni violenza,ogni oscurità sono stati inghiottiti da un abisso di bene. Prima di salire al Calvario Gesù lava i piedi ai discepoli. Il servizio. Dio ai piedi dell’uomo. Novità sconvolgente: Dio non è padrone dell’uomo, ma il suo servitore. Poi istituisce l’Eucarestia, la memoria della continuità dell’incontro e dell’amore. Accetta di essere processato, benchè innocente e all’apice del suo annientamento rivela il vero volto di Dio,che è misericordia, perdona i suoi crocifissori, apre le porte del paradiso al ladrone pentito e tocca il cuore del centurione. Ci sembra tanto distante il modo di agire di Gesù che si è annientato per noi,visto che a noi pare difficile persino dimenticarci un poco di noi. Egli doveva risuscitare dai morti per trascendere la nostra vita. E penso alle donne che lo hanno seguito fin sotto la croce,insieme a sua Madre,a loro che lo hanno visto per prime risorgere, perchè hanno su Gesù-obbiettivo la percezione esatta dell’amore. Loro piene di lacrime di gioia e di contrizione rispetto alla tristezza dei peccatori senza speranza. In fondo le lacrime, anche quelle del dolore, sia delle vittime che dei carnefici sono tutte uguali. Ma si sa, tocca spesso alle donne, da sempre, raccogliere i cocci, rimetterli insieme e curare la Vita. Nel Vangelo di Matteo non ci sono le apparizioni del Risorto a Gerusalemme, ma in Galilea sul monte delle beatitudini. Solo vivendo le Beatitudini, vediamo e facciamo esperienza del Signore Risorto.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Santa Lucia, culti e rituali anche a Caserta per riveder la luce

Luigi Fusco –A Santa Lucia ‘a jurnata fa ‘nu passo ‘i gallina, è l’antico detto che, oltre a rievocare il dies natalis della santa siracusana, è considerato, secondo la tradizione,

Editoriale

Primo agosto, Sant’Alfonso. Un vescovo intellettuale popolare

Augusto Ferraiuolo* – Una delle caratteristiche fondamentale della santità è che il Santo o la Santa rappresentano, in qualche modo, un esempio da seguire. Di fatto sono degli ideali di

Editoriale

Centometriquadri di arte, le Cromie astrali di Gianluca Sgherri

Maria Beatrice Crisci  – «Cromie» è il titolo della mostra personale di Gianluca Sgherri che si inaugura giovedì 12 settembre alle ore 19 presso la Galleria Centometriquadri Arte Contemporanea di