Sisma. Da Caserta i volontari per allestire un campo base

Sisma. Da Caserta i volontari per allestire un campo base

La città di Caserta si mobilita per soccorrere e assistere le popolazioni del Centro Italia colpite dal devastante terremoto che ha causato decine di vittime la notte scorsa. Il Comune di Caserta ha subito messo a disposizione della Direzione Regionale della Protezione Civile il proprio Nucleo, diretto dal Comandante della Polizia Municipale, Alberto Negro, che nelle prossime ore partirà alla volta delle zone colpite dal sisma. Gli uomini alle dirette dipendenze del Comune si affiancheranno ai volontari del Servizio volontariato giovanile della Protezione Civile di Caserta, coordinati da Enzo De Lucia. In nottata questo gruppo partirà per allestire un campo base per 500 persone, e sarà dotato di tutti i mezzi necessari per garantire il primo soccorso e una costante assistenza a centinaia di persone. I volontari porteranno un modulo cucina capace di preparare 600 pasti ogni ora, un capannone automontante in grado di ospitare 600 persone, 600 posti a sedere e un gruppo elettrogeno che avrà il compito di garantire l’energia elettrica all’intero campo base.

Sotto il profilo logistico il gruppo sarà dotato anche di 3 roulotte, oltre che di 4 fuoristrada e di un furgone per gli spostamenti e i trasferimenti in loco.

“Questa tragedia immane che ha colpito il Centro Italia – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – ci ha sconvolto e ci ha immediatamente spinto a voler fornire un aiuto concreto alle popolazioni colpite. Siamo convinti che i componenti del Nucleo di Protezione Civile del Comune, in sinergia con i volontari guidati da Enzo De Lucia, svolgeranno come sempre un ottimo lavoro, garantendo quei soccorsi e quell’assistenza necessari per dare un immediato conforto alle persone che stanno affrontando questa situazione così drammatica”.

Il sindaco Marino ha poi fatto appello a tutte le forze sociali e produttive del territorio casertano affinché possano fornire un apporto materiale alle popolazioni colpite, raccogliendo le richieste urgenti che provengono dalle zone maggiormente devastate dal sisma.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9576 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Vanvitelli all’opera, al via la nuova edizione di Un’Estate da Re

-L’VIII edizione di Un’Estate da RE apre nel segno di Luigi Vanvitelli, in occasione dei 250 anni dalla scomparsa dello straordinario architetto che progetto e realizzò la Reggia di Caserta. Dalla sua suggestiva Cappella Palatina, giovedì 13

Primo piano

Reggia. Musica al tempo di Vanvitelli per le Giornate del Patrimonio

-L’Orchestra da Camera di Caserta diretta da Antonino Cascio e con il flautista Mario Bruno (nel 2022 Primo Premio al Kobe International Flute Competition e Secondo premio all’Ard-Musikwettbewerb di Monaco, due tra le più importanti competizioni flautistiche

Arte

I “molti” di Antonio Biasiucci, da ogni punto di vista

(Enzo Battarra) – La grande sala del Museo d’Arte Contemporanea di Caserta, negli austeri locali del ex cenobio di Sant’Agostino, è diventata un mare di volti. La luce è soffusa,