Ti ci porto io! La Reggia di Carditello e la sua rinascita

Ti ci porto io! La Reggia di Carditello e la sua rinascita

Liceo Manzoni Press -La bellissima Reggia di Carditello situata a San Tammaro in provincia di Caserta, per molto tempo è stato l’icona del degrado. Questa etichetta gli verrà strappata grazie al FAI e ai cittadini che con i  loro voti la fecero arrivare al quinto posto nella classifica di “I luoghi del cuore”. Così riuscirono a denunciare gli atti vandalici e di saccheggio che avevano deturpato la bellezza del complesso. La vera anima della rinascita della Reggia è stato Tommaso Cestrone, sorvegliante della struttura a titolo volontario. Tommaso ci ha messo anima e cuore nell’attirare l’attenzione della politica in modo da poter dare più valore al Sito borbonico. Purtroppo è morto proprio lì. Era la vigilia di Natale del 2013. Finalmente l’8 gennaio 2017 il pubblico è tornato nella magione di Carditello potendo ammirare l’antica quadreria del Real Sito. La struttura della Reggia venne costruita dall’architetto Francesco Collecini, collaboratore di Luigi Vanvitelli.  L’esterno è caratterizzato da una pista in terra battuta abbellita da fontane e da un tempietto circolare di stile classico. L’edificio centrale aveva la funzione di alloggio e di cappella reale.

La parte settentrionale è circondata dal fiume Volturno mentre il monte Tifata, imponente, delimita la parte orientale. Inizialmente durante il regno di Carlo di Borbone la reggia di Carditello era destinata alla caccia e all’allevamento di cavalli, ma poi con Ferdinando IV di Borbone diventa una fattoria di grano e allo stesso tempo il luogo dove la famiglia reale allevava le razze equestri più pregiate.

Importante visitare i due scaloni in marmo che portano il visitatore al piano mobile caratterizzati da bassi rilievi che rappresentano trofei di caccia e fiori. Alzando la testa una volta arrivati alla parte centrale dello scalone possiamo ammirare il fiore del cardo molto simile a un carciofo.

Una delle sale private della famiglia reale, la sala di Diana, è caratterizzata da affreschi dedicati alla dea durante l’attività di cacciali insieme ai suoi strumenti: L’arco e la freccia.

Altra sala presente all’interno del palazzo è la sala dei dipinti agresti, arricchita da affreschi di tema rurale realizzati da Philipp Hackert. Alcuni quadri raffigurano la reggia di Caserta durante la sua costruzione. La volta della stanza è stata realizzata da Domenico Chelli che attraverso la tecnica dello sfondamento crea un illusione di spazio inesistenti. Importante citare la biblioteca, il salone centrale che è la sala più importante dell’edificio, la sala della tavola matematica, la sala delle quattro stagioni, la camera oscura, la cappella, il galoppatoio, il bosco di eucalipti, lecci e cerri. 

Realizzato da Alessio Piombino, Vincenzo Giannotti, Anna Intestianale, Giulia Parisi, Giovanni Cioffi, Marika Malara, Christian Giaquinto, Eduardo Cammarota

About author

You might also like

Stile

Belvedere di San Leucio. Dal Codice al Museo della Seta

-L’affascinante storia del Belvedere di San Leucio è strettamente legata a quella della dinastia dei Borbone.  Tutto ebbe inizio nel 1773, quando il re Carlo di Borbone pensò di formare

Primo piano

Ti ci porto io! Recale. Villa Porfidia, storia giardini e curiosità

(Liceo Manzoni Press)* -Sorge nella piccola città di Recale, comune italiano di 7.614 abitanti della provincia di Caserta in Campania, la bellissima Villa Porfidia, palazzo Roccaforte nata alla fine del

Comunicare il Territorio

Liceo Manzoni, il FAI illustra le Giornate di Primavera

-Ospite del Liceo Manzoni nell’ambito del Pcto Comunicare il territorio l’architetto Dante Specchia, capo delegazione FAI Caserta. L’intervista