Vittorio Messina da Nicola Pedana, si presenta il catalogo

Vittorio Messina da Nicola Pedana, si presenta il catalogo

(Luigi D’Ambra)

COVER CATALOGO MESSINA– Sarà lo stesso artista Vittorio Messina a presentare sabato 20 maggio alle ore 19 al pubblico il catalogo della sua personale “In un certo senso infinito” alla Galleria Nicola Pedana Arte Contemporanea. Con lui il critico e storico d’arte Marco Tonelli, curatore della mostra, e il gallerista Pedana a fare da “padrone di casa”.

IMG-20170518-WA0010Come si legge in una nota diffusa alla stampa, la realizzazione del volume, accuratamente stampato presso l’industria poligrafica Nappa di Aversa, conclude praticamente un ciclo espositivo iniziato con il vernissage del 25 marzo scorso e anticipa di poco la chiusura della mostra prevista per lunedì 22 maggio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIl raffinato catalogo, oltre a contenere l’ampio e analitico saggio introduttivo di Marco Tonelli, documenta fotograficamente le tre opere principali site-specific presentate, le tre installazioni ambientate proprio in galleria. La pubblicazione contiene anche le immagini delle altre opere a parete esposte, oltre a una breve biografia ragionata di Vittorio Messina.

Scrive il curatore nel suo testo: “In un certo senso infinito vuole essere un titolo di una mostra, maanche una provocazione IMG-20170518-WA0013intellettuale, un modello visivo, una comunicazione estetica, un’affermazione che sollecita domande”.

Per poi proseguire: “Vittorio Messina è un artista a cui piace sfidare inafferrabili e sottili inquietudini, praticando installazioni che vogliono spingersi oltre la loro pur oggettiva materialità costruttiva. Le sue opere sono tentativi di uscire dalla gabbia del pensiero razionale, dalle ovvietà dei dati sensibili, dai dogmatismi del trascendente, anzi ambiscono in un certo senso a fondere razionalità-sensibilità-metafisica nell’opera d’arte. Oltre la metafora, oltre l’analogia, forse l’opera di Vittorio Messina è da sempre in cerca di un’estetica basata proprio sull’in un certo senso, essenza stessa dell’Arte, che è a sua volta un concetto inafferrabile, non delimitabile, illimitato. Ovvero, in un certo senso, infinito”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9731 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Liberi dal dolore, il benessere animale passa anche da questo

Simone Lino * – Pronti nuovamente ad analizzare quelle che vengono definite le cinque libertà fondamentali del benessere animale, e che tutti i proprietari di animali dovrebbero conoscere a memoria. Una

Cultura

La Reggia in un fumetto, sul web le tavole di Maicol & Mirco

Pietro Battarra – “Il cuore delle cose” è il titolo del fumetto di Maicol & Mirco ambientato nella Reggia di Caserta. L’appuntamento è per domani sabato 28 marzo allorché il

Primo piano

Di corsa per 29 ore, così si promuove un corretto stile di vita

Maria Beatrice Crisci “Stanco si, ma soddisfatto. Una sfida con me stesso. Devi starci per capire cosa significa. Una gara completamente diversa dalle solite maratone. È un guardarsi dentro per