Differenziata, un servizio dedicato per i commercianti

Differenziata, un servizio dedicato per i commercianti

(Redazione) – A Caserta un nuovo sistema di Raccolta Differenziata per i commercianti. Il via lunedì 16 gennaio. Oltre ai consueti giorni di conferimento, si aggiunge infatti un servizio “dedicato”: gli esercenti, a partire da bar, ristoranti, pizzerie e rivenditori di frutta e verdura, potranno ottenere la raccolta quotidiana della frazione umida, del vetro e del cartone tutti giorni della settimana, dal lunedì al sabato (resta sospesa la raccolta la domenica). Per fruire delle nuove modalità gli esercenti dovranno registrarsi presso l’azienda concessionaria Ecocar chiamando il numero verde 800 135 221 o inviando una mail all’indirizzo ceacaserta@katamail.com. In tal modo la società potrà organizzare un efficiente percorso di raccolta quotidiano tra tutti gli esercizi commerciali accreditati. Il nuovo servizio è stato definito nel corso di una conferenza di servizi alla quale hanno partecipato l’assessore all’Ecologia e Ambiente Camillo Federico, il dirigente del settore Marcello Iovino, il Comandante della Polizia Municipale Luciana Spissu, il presidente di Confesercenti Caserta Lello Valentino ed il direttore operativo della sede casertana del Consorzio Ecocar Ambiente, Sirio Vallarelli.

“E’ arrivato il momento della svolta nella raccolta differenziata – ha spiegato il sindaco Carlo Marino – perché ora non ci saranno più scuse per i commercianti che non fanno la differenziata o differenziano male. Con questo ulteriore servizio, che è di fatto una raccolta “porta a porta” per gli esercenti, miriamo ad incrementare in maniera incisiva le percentuali di raccolta registrate nella nostra città ed anche ad avere una città più decorosa. Allo stesso tempo invito i cittadini afre la raccolta differenziata sempre meglio e sempre di più, perché tutti insieme possiamo davvero raggiungere traguardi importanti”.

“Negli ultimi mesi la percentuale di raccolta differenziata in città è cresciuta notevolmente- ha commentato l’assessore Camillo Federico – ma noi non siamo abituati a cullarci sugli allori e sappiamo di poter fare ancora meglio. Con queste nuove modalità di conferimento “dedicato” per gli esercizi commerciali facciamo un ulteriore passo verso l’ottimizzazione della raccolta dei rifiuti. E questo è soltanto il primo passo, perché proseguiremo a breve con nuovi servizi anche per le scuole, questione fondamentale per la quale ringrazio la consigliera comunale Mirella Corvino, presente alla riunione, che sta lavorando con impegno e dedizione per coinvolgere quest’altro importantissimo segmento di utenza”.

Nel corso dell’incontro è stato anche deciso che l’azienda concessionaria del servizio non effettuerà più il cosiddetto “riassetto”, mentre saranno potenziati i controlli del gruppo ispettivo ecologico del Comune di Caserta e della Polizia Municipale. “Chi sbaglia – ha concluso l’assessore Federico – non avrà più giustificazioni e sarà sanzionato, i controlli saranno più frequenti e capillari. Non possiamo pagare tutti la mancanza di volontà e di amore per la città di pochi”.

Fonte. Comunicato stampa

 

 

You might also like

Attualità

Nel nome della donna, marzo di fuoco sulla Newsletter Mibact

(Enzo Battarra) – Si rincorrono nella prima metà di marzo gli appuntamenti nelle sedi museali nel casertano come su tutto il territorio nazionale. Puntuale la newsletter settimanale del Ministero dei

Primo piano

Settembrarte. 900 visitatori nel weekend a Nola

Claudio Sacco – “Un’occasione importante ma, soprattutto, una reale e concreta opportunità per noi nolani e per i tanti visitatori che, sabato e domenica, hanno potuto ammirare i tesori nascosti

Primo piano

A tutta birra! Dalla mozzarella DOP nasce la milk stout Bubala

Maria Beatrice Crisci – La Campania Felix ha risorse agroalimentari non ancora del tutto esplorate. E anche quando rappresentano un punto fermo dell’economia territoriale, come la mozzarella di bufala campana DOP

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply