A teatro si scoprono i gusti di una città. Caserta e la “formula tre”

A teatro si scoprono i gusti di una città. Caserta e la “formula tre”

Per paradosso l’immagine più reale di una città è quello che il suo teatro propone. Non c’è nulla di più falso di quello che si mette in scena, ma non c’è nulla di più vero di una comunità che si raccoglie intorno al proprio teatro. La platea non è solo il luogo dove si assiste a eventi spettacolari, ma è anche la piazza degli incontri, delle conversazioni, della frequentazione degli affetti e delle amicizie. L’andare a teatro è sicuramente una scelta culturale, ma è anche un rito sociale e, a volte, perché no, un rito con una punta di sana mondanità. A teatro si va in coppia o in comitiva, si va per discuterne prima e soprattutto dopo. Il post-spettacolo è il momento delle riflessioni, delle analisi, dei giudizi. E un vero rituale prevede che tutto ciò avvenga intorno al tavolo della cena. Ma a Caserta tutto ciò avviene? Per alcuni versi sì, per altri no. Ecco perché questa città non è una città normale, ma è una città incompleta. Gli eventi si susseguono, le cose avvengono, ma in modo sempre frazionato, parziale, non del tutto gratificante.

teatro comunale presentazione 2016

Da tempo al Teatro Comunale, oggi “Parravano”, il Teatro Pubblico Campano propone la sua stagione, con un chiaro indirizzo generalista. Il Comunale è il teatro della città, ognuno deve trovare nella sua programmazione un pezzo di sé, del proprio modo di pensare, del proprio modo di voler impegnare il tempo. Da ciò ne consegue che la stagione teatrale confezionata dal ferratissimo gruppo di Alfredo Balsamo sia un calendario attento agli spettacoli di qualità, ma anche alle messe in scena più popolari. Deve piacere abbastanza ai casertani amanti della ricerca, ma deve piacere alquanto anche a chi va a teatro solo per divertirsi. E la cosa non è semplice.

IMG_7853

La vera novità di quest’anno è l’articolazione della stagione, già abbozzata nello scorso anno, ma da questa stagione ancor più strutturata. Tre i calendari in un’unica programmazione. Ci sono i dieci spettacoli di “Grande Teatro”, quello che deve piacere mediamente a tutti, che comprende i reiterati Vincenzo Salemme, Biagio Izzo o Massimo Ranieri, ma si illumina del “Sogno” shakespeariano con Isa Danieli e Lello Arena, si illumina con “La locandiiera” interpretata da Laura Morante, si illumina con tutto il fascino di Raoul Bova in “Due” con Chiara Francini. In media con la media il tandem Rocco Papaleo e Giovanni Esposito, o “Il sorpasso” con l’altro fascinoso Giuseppe Zeno. Curiosità desta la presenza del “Cuculo” firmato da Alessandro Gassmann, altro uomo di charme, ma non protagonista in scena.

Quattro gli appuntamenti dei “Percorsi Partenopei”, soluzione già sperimentata nella scorsa stagione e ripetuta quest’anno. Protagonisti l’intramontabile Tato Russo, la voce di Maria Nazionale e il talento comico di Carlo Buccirosso. Si affianca un musical firmato da Alessandro Siani.

E ora la vera novità: il “Teatro Civile”. Tre protagonisti assoluti: Moni Ovadia, Carlo Cecchi e Ottavia Piccolo, tre vite spese per il teatro di qualità. Tre appuntamenti singoli.

Il Teatro Pubblico Campano ha così accontentato Caserta, anzi le tre “Caserte” che vanno agli spettacoli. Ognuna è espressione di una città incompleta, ma ognuna ha diritto di cittadinanza. Per una città “frazionata” come Caserta è forse la formula migliore, la “formula tre”.

@beatricecrisci

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7163 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Casagiove. Finanziamento di 40mila euro per “Artestate”

L’Amministrazione Comunale di Casagiove è orgogliosa che la storica kermesse casagiovese “Artestate” sia stata selezionata dalla Regione Campania per l’ottenimento del finanziamento. Il progetto proposto dal Comune di Casagiove, nell’ambito

Arte

Street art a Caserta, arrivano venti e correnti di Gola Hundun

Luigi D’Ambra – Si chiamerà “Venti e Correnti” e sarà l’opera che lo street artista cesenate Gola Hundun realizzerà a Caserta. L’intervento sarà effettuato nell’area pubblica del nuovo garage di via San Carlo, che

Primo piano

“Io sto con la Juvecaserta”, parola di Fausto Mesolella

(Redazione) – “Un concerto d’amore per la squadra della nostra città”: con queste parole il musicista Fausto Mesolella presenta in un videospot quello che si preannuncia come un vero e proprio

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply