Al “Teatro del Porto” Massimo Ranieri è Raffaele Viviani

Al “Teatro del Porto” Massimo Ranieri è Raffaele Viviani

(Claudio Sacco) – Il “Teatro del Porto” è un luogo reale e irreale dove incontrare la grande produzione di Raffaele Viviani. Nello spettacolo sono suoi i versi, la prosa e la musica. La costruzione di questa macchina teatrale è del grande regista Maurizio Scaparro. Mattatore sulla scena Massimo Ranieri. L’appuntamento è al Teatro Comunale “Costantino Parravano” di Caserta da venerdì 27 a domenica 29 gennaio.

TEATRO DEL PORTO - Massimo Ranieri TEATRO DEL PORTO - una scena(01)Gli altri interpreti sono Ernesto Lama, Angela De Matteo , Gaia Bassi, Roberto Bani, Mario Zinno, Ivano Schiavi, Antonio Speranza e Francesca Ciardiello. L’orchestra vede al pianoforte Ciro Cascino, al contrabbasso Luigi Sigillo, ai fiati Donato Sensini, al violino Sandro Tumolillo, alla tromba Giuseppe Fiscale e alla batteria Mario Zinno. Le elaborazioni e le ricerche musicali sono di Pasquale Scialò, la scena e i costumi di Lorenzo Cutuli, il disegno luci di Maurizio Fabretti, le coreografie di Giorgio De Bortoli.

In una nota diffusa alla stampa si legge: “Dopo il successo di Viviani Varietà, Massimo Ranieri e Maurizio Scaparro affrontano ancora una volta il grande drammaturgo Raffaele Viviani. Con questo spettacolo si è voluto rendere omaggio all’opera del grande drammaturgo con le sue poesie, parole e musiche. La Napoli che viene portata in scena è la stessa cui, già cent’anni fa, Viviani guardava con amore e ironia, descrivendola con crudo realismo e squisita sintesi di linguaggio. A essere rappresentata è la teatralità degli emigranti, degli zingari, dei pescatori, dei guappi, dei gagà, delle cocotte, delle prostitute, insomma il mondo della strada, ovvero quel mondo che per primo e più fortemente colpì la fantasia dell’artista. Una gran folla di personaggi e di figure, veri e propri blocchi umani e sociali, popolano le sue opere; Viviani analizza ed esprime questo mondo dal di dentro, realizzando una serie di ritratti di sconvolgente evidenza drammatica poiché sono uomini e donne «comuni» che non nascondono nulla e rivelano fino in fondo la tragica verità della loro esistenza. Un motivo di costante ispirazione è l’emigrazione, la sorte nera degli esuli. Gli emigranti! Questi personaggi, che hanno riempito delle loro penose vicende di fatiche e di dolore decenni della storia d’Italia, entrano realisticamente nella letteratura popolare grazie al contributo di questo grande poeta e commediografo napoletano. I contadini, gli artigiani, gli operai, sradicati dal loro ambiente naturale, costretti ad espatriare, lo fanno con dolore e angoscia, avendo piena coscienza che se le cose andassero in maniera giusta, essi troverebbero da vivere nel loro Paese, non si venderebbero come schiavi in terre sconosciute e infide, sfruttati da padroni spietati”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9739 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Avanti con il Green Pass! Pompei si adegua alle nuove regole

Luigi Fusco – Da oggi 6 agosto i turisti in visita al Parco Archeologico di Pompei potranno accedere solo attraverso l’esibizione della certificazione verde covid/green pass o certificato di tampone

Primo piano

Al via il Master in Teatro al Suor Orsola Benincasa

Claudio Sacco – Riparte il master di specializzazione biennale e annuale in “Teatro, pedagogia e didattica. Metodi tecniche e pratiche delle arti sceniche-Tdp”, dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.Vera e

Primo piano

Caserta, all’OfficinaTeatro le ore dorate di Dalì e Garcia Lorca

Marco Cutillo – In un’epoca in cui si sta per consumare la fine del neorealismo, che sarà sostituito dagli eccessi del surrealismo, è ambientato “Le ore dorate”. Scritto e diretto