Alessandro Preziosi all’Anfiteatro Campano per la Fondazione Diana

Sarà la mia prima volta all’Anfiteatro Campano e non vedo l’ora. L’opera non è stata scelta a caso ma con l’auspicio che – partendo proprio da una realtà come quella casertana – diventi un monito a guardare avanti, oltre certi limiti, per costruire un futuro migliore”.

E’ un vortice di ambizioni ed emozioni: Alessandro Preziosi ha iniziato il conto alla rovescia dei giorni che lo separano dalla sua prima esibizione a Santa Maria Capua Vetere. Venerdì 24 giugno, alle ore 21, l’attore napoletano sarà all’Anfiteatro Campano per interpretare un originale “Prometeo”, durante una serata promossa dalla Fondazione Mario Diana Onlus in collaborazione con la Soprintendenza dei Beni Archeologici di Santa Maria Capua Vetere. Il monologo, rilettura in chiave moderna del mito greco di Eschilo che Preziosi ha ideato con l’amico e produttore Tommaso Mattei, offrirà diversi spunti di riflessione agli spettatori.

La scelta di interpretare un personaggio discusso come il titano Prometeo – ha rivelato Alessandro –, amato e odiato allo stesso tempo, diventa metafora della condizione in cui versa non solo il Sud ma l’Italia intera. Un Paese ricco di possibilità e talenti ma attualmente distrutto dall’egoismo di chi continua a pensare ai propri interessi calpestando l’altro e la propria terra. Prometeo sfida Zeus con l’inganno per aiutare gli uomini, e per questa sua furbizia sarà condannato ad una terribile punizione. La sua storia mi affascina perché nasconde una doppia – e sempre attuale – chiave di lettura: nella vita bisogna impegnarsi per gli altri, per il bene comune, anche a costo di pagare con il proprio sacrificio scelte giuste. Ma entro certi limiti, quei limiti che invece Prometeo superò per il desiderio di onnipotenza”.

Da qui il profondo legame tra la storia del titano greco e la vita di Mario Diana, l’imprenditore casertano, vittima innocente di camorra, nel cui nome è stata istituita la Fondazione Mario Diana. Lo spettacolo all’Anfiteatro, infatti, rientra tra le celebrazioni promosse per concludere il Trentennale della sua morte, che lo scorso anno fu commemorato proprio da Preziosi con Le Confessioni di Sant’Agostino, al Belvedere di San Leucio.

Lo spettacolo sarà anche l’occasione per presentare il nuovo progetto della Fondazione Mario Diana, intitolato proprio “Prometeo”, che prenderà il via dall’autunno prossimo per offrire concreti supporti alla formazione universitaria di giovani talenti.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9689 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Arena dei Pini, attesa per Gigi D’Alessio e Fiorella Mannoia

Roberta Greco -Agosto volge al termine e con lui stanno per terminare le magiche serate di musica dell’Arena dei Pini, della seconda edizione del Baia Domizia Summer Festival. Ebbene, la

Primo piano

Lauti pasti delle feste! Prof. Monda, in aiuto i colori del benessere

Maria Beatrice Crisci – Che belli il Natale ed il Capodanno: magici per il gusto e per la convivialità! I lauti pasti nelle feste ci hanno messo a dura prova,