Alessio Boni al Comunale di Caserta, un eroico Don Chisciotte

Alessio Boni al Comunale di Caserta, un eroico Don Chisciotte

Magi Petrillo per Ondawebtv

Don Chisciotte_(ph_Lucia_De_Luise)_02 – Da venerdì 13 a domenica 15 dicembre il Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta il Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo presenta Alessio Boni, Serra Yilmaz in Don Chisciotte liberamente ispirato al romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra. Adattamento Francesco Niccolini drammaturgia Roberto Aldorasi, Alessio Boni, Marcello Prayer, Francesco Niccolini con Marcello Prayer, Francesco Meoni, Pietro Faiella, Liliana Massari, Elena Nico, Nicoló Diana (Ronzinante). Scene Massimo Troncanetti, costumi Francesco Esposito, luci Davide Scognamiglio, musiche Francesco Forni, foto di scena Gianmarco Chieregato, Andrea Boni Lucia De Luise, Davide Scognamiglio, La regia è di  Roberto Aldorasi, Alessio Boni, Marcello Prayer.

Sabato 14 dicembre alle ore 18.30, sempre al Teatro Comunale di Caserta, Alessio Boni, Serra Yilmaz e la compagnia saranno ospiti del ciclo di incontri “Salotto a Teatro”, condotti dalla giornalista Maria Beatrice Crisci.

Chisciotti e cavalieri erranti, sparpagliati per il mondo o chiusi dentro le mura, sono sempre gli stessi, quelli di un tempo, quelli di oggi e quelli di domani, savi e pazzi, eroi e insensati. Non sono venuti al mondo per vivere meglio o peggio. Quando l’universo nella solitudine si abbandona alle proprie miserie, loro pronunciano parole di giustizia, d’amore, di bellezza e di scienza. Chi si rende volontariamente schiavo non maledice l’esistenza. (Fernando Arrabal, Uno schiavo chiamato Cervantes)

Alessio Boni scrive: «Chi è pazzo? Chi è normale? Forse chi vive nella sua lucida follia riesce ancora a compiere atti eroici. Di più: forse ci vuole una qualche forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere atti eroici. La lucida follia è quella che ti permette di sospendere, per un eterno istante, il senso del limite: quel “so che dobbiamo morire” che spoglia di senso il quotidiano umano, ma che solo ci rende umani.

L’animale non sa che dovrà morire: in ogni istante è o vita o morte. L’uomo lo sa ed è, in ogni istante, vita e morte insieme. Emblematico in questo è Amleto, coevo di Don Chisciotte, che si chiede: chi vorrebbe faticare, soffrire, lavorare indegnamente, assistere all’insolenza dei potenti, alle premiazioni degli indegni sui meritevoli, se tanto la fine è morire?

Don Chisciotte va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico, eroico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano. E che, involontariamente, l’ha reso immortale. È forse folle tutto ciò? È meglio vivere a testa bassa, inseriti in un contesto che ci precede e ci forma, in una rete di regole pre-determinate che, a loro volta, ci determinano? Gli uomini che, nel corso dei secoli, hanno osato svincolarsi da questa rete – avvalendosi del sogno, della fantasia, dell’immaginazione – sono stati spesso considerati “pazzi”. Salvo poi venir riabilitati dalla Storia stessa. Dopotutto, sono proprio coloro che sono folli abbastanza da credere nella loro visione del mondo, da andare controcorrente, da ribaltare il tavolo, che meritano di essere ricordati in eterno: tra gli altri, Galileo, Leonardo, Mozart, Che Guevara, Mandela, Madre Teresa, Steve Jobs e, perché no, Don Chisciotte».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Napoli, al Teatro Nuovo Ascanio Celestini in “Barzellette”

-Ascanio Celestini è uno spirito infaticabile, non si risparmia nelle sue ricerche. Raccoglie e racconta storie di esseri umani spesso ai limiti della marginalità, con frammenti di poesia e umanità.

Primo piano

Summer Concert, il duo Colbran a Piedimonte Matese

Emanuele Ventriglia -E’ per stasera (2 Agosto) alle ore 21 a Piedimonte Matese presso Complesso di S. Domenico nell’ambito del Summer Concert, l’appuntamento con il Duo Colbran.  Giulia Lepore soprano

Primo piano

Eros a Pompei, i mitici amori nel docu-film di Pappi Corsicato

Luigi Fusco – Pompei. Eros e Mito è il titolo del docu-film del regista napoletano Pappi Corsicato in uscita al cinema solo per i giorni 29, 30 novembre e 1°