Biblioteca Nazionale Napoli, la visita si fa “immersiva”

Biblioteca Nazionale Napoli, la visita si fa “immersiva”

-Mercoledì 21 giugno alla Biblioteca Nazionale di Napoli 10,30 un’esperienza immersiva ricca di suggestioni negli Appartamenti reali di Maria Carolina e Ferdinando, e nella Sala del Camino che cambiano alla nostra percezione: una mostra, un filmato  denso di note intonate e stonate,  ma anche sopratutto una testimonianza, un racconto che arricchisce i visitatori. Il percorso sarà illustrato durante l’incontro che precede  l’evento da Maria Iannotti, Manlio Russo, Diana Facchini, Giovanna De Rosa, Elena Primicile Carafa.

Il documento visivo e gli oggetti in mostra  sono la restituzione di un progetto che ha sostenuto fino ad esplorare il mondo interno sonoro per utilizzarlo in chiave relazionale e poter esprimere l’indicibile, attivare le risorse presenti verso la creatività e poter ascoltare il proprio disagio e la propria “stranezza” in una chiave diversamente interessante per recuperare una dimensione analogica nel racconto e nella relazione.
 Il progetto nasce da un laboratorio condotto da Emanuele Pacini e Daria Tehrani, volontari dell’Associazione di Promozione Sociale NAKOTE, con un gruppo di pazienti psichiatrici, in collaborazione con la cooperativa sociale ERA.  

About author

You might also like

Spettacolo

Appena vedi il mare svegliami, su Prime il corto nato a Caserta

S’intitola «Appena vedi il mare svegliami» il corto cinematografico della Fairness Agency, società di comunicazione e produzione video casertana, da oggi disponibile su Prime Video, la piattaforma on demand del

Spettacolo

Buongiorno Iris, ma le canzoni di Antonacci vivranno di notte

Enzo Battarra Buongiorno Iris è la nuova tribute band campana di Biagio Antonacci. E domani 23 agosto si esibirà alle 21 al Matuta Burger&braci in via del Lavoro 5 a

Primo piano

Brachilogia, convegno alla Parthenope sul discorso breve

(Mario Caldara) – Ad alcuni potrà esser capitato di aver avuto una conversazione con qualcuno che impiegava giri immensi per esprimere un concetto, utilizzando più parole del necessario. Questo è