Bubala, dalla mozzarella nasce la nuova birra made in Caserta

Bubala, dalla mozzarella nasce la nuova birra made in Caserta

Claudio Sacco

Schermata 2017-06-11 alle 11.48.32– Bubala è la prima birra con siero di latte derivante dalla lavorazione della mozzarella di bufala campana dop. Una produzione dell’azienda brassicola casertana White Tree Brewing all’interno del progetto “Agrimemorie da spillare”, un percorso che vede utilizzare, nella realizzazione di birra artigianale, alcuni tra i prodotti maggiormente identitari della Campania e segnatamente di Terra di Lavoro. Domani lunedì 12 giugno alle ore 11, in prima mondiale, la presentazione alla stampa nella sede del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop presso le Cavallerizze della Reggia di Caserta.

Bubala  è una birra milk stout style ossia birra ad alta fermentazione di colore scuro, alla quale viene aggiunto il lattosio. Nel caso di Bubala si è sfruttato il lattosio naturalmente presente nel siero di latte di bufala campana proveniente da caseifici aderenti al consorzio di tutela. Partecipano alla presentazione, oltre al mastro birraio Sergio Landolfi, il presidente del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop Domenico Raimondo e il sommelier Alessandro Schiavone che guiderà la degustazione tecnica. Modera il giornalista enogastronomico Carlo Scatozza.

Bubala presenta un colore ebano e schiuma compatta di color nocciola chiaro. Al naso si avvertono le note tostate tipiche dei malti scuri utilizzati, i sentori erbacei del luppolo rimangono sullo sfondo. Al gusto si avverte un bouquet complesso di sapori che vanno dalla nota maltata e tostata, derivante dalla base dei grani, ai sentori erbacei del luppolo. Sullo sfondo si percepisce la nota dolce e sapida del siero di latte di bufala. Deciso l’amaro sul finale. L’occasione è di grande valenza per l’agroalimentare italiano, visto che per la prima volta si realizza l’incontro tra il mondo brassicolo e quello straordinario della mozzarella di bufala campana dop.

Nel progetto “Agrimemorie da spillare” è già in produzione Liburia, birra alla canapa, e dopo Bubala sarà il turno anche di un’etichetta a base di grani antichi della Campania.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8257 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Caserta, apre vicino la Reggia Colorito: Siamo quello che mangiamo

Uno spazio innovativo pensato per coloro che conoscono ed amano quello che mangiano destinato alla produzione, alla somministrazione e alla vendita dei prodotti sani e garantiti della filiera agroalimentare campana,

Primo piano 0 Comments

Art Bonus. Il Comune di Caserta presenta tre progetti

Sono tre i progetti di valorizzazione dei beni culturali oggetto della delibera approvata dalla Giunta Comunale, che ha dato l’ok all’attività di reperimento e accettazione di erogazioni liberali da parte

Attualità 0 Comments

Arrivano a Casertavecchia le reliquie di San Giuseppe Moscati

(Claudio Sacco) – È il medico santo delle terre campane, è venerato e ammirato con fervore e convinzione. Ecco perché c’è un clima di grande attesa per l’arrivo delle reliquie di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply