Capodrise. Il Palazzo delle Arti riapre ed è un successo

Capodrise. Il Palazzo delle Arti riapre ed è un successo

Luigi D’Ambra

– Un successo annunciato quello de “Il silenzio di Ophelia”, collettiva ispirata all’inquietudine femminile e visibile al Palazzo delle Arti di Capodrise fino al 22 luglio.  L’evento si è aperto con un cocktail di benvenuto, con tanti ospiti istituzionali, artisti, critici, galleristi. Quindi, il talk, animato da Tina Raucci e dal curatore della mostra, Michelangelo Giovinale. Al dibattito hanno partecipato il sindaco Angelo Crescente, l’assessore alla cultura Antonella Marotta, Francesco Fraio, presidente dell’associazione “Capitrisi”, Giancarlo Pignataro, vicepresidente dell’Ordine degli architetti di Caserta, Domenico Caroprese, il dirigente del Liceo artistico di Marcianise e alcuni degli artisti in esposizione. Il vernissage è stato preceduto dalla proiezione del cortometraggio “Pianosequenza” di Alessandro Musone, nel quale gli artisti hanno raccontato esperienze di vita e svelato il rapporto con il personaggio di “Ophelia”.

Schermata 2017-07-12 alle 16.19.50Il regista, impegnato in un reportage in Grecia, ha inviato un telegramma, letto dalla figlia Rosanna. Sui titoli di coda del docufilm, a sorpresa, le luci si sono abbassate e il buio della notte è stato infranto dalle lanterne di cinque danzatrici (Paola Maria Maietta, Alessandra Delli Paoli, Mariagrazia Mezzacapo, Erminia Alfonsi e Jessica Silvestro), cinque muse che hanno occupato la scena, sulle note di “El sueño de las hadas” di Enya. Poi, è arrivata lei, Ophelia (Angelica Mangiacapra), leggera, quasi eterea, che dal piano nobile del Palazzo è scena a corte e ha condotto muse e pubblico alla scoperta di sé stessa, alla scoperta della mostra. «“Il silenzio di Ophelia” – rivela Giovinale – è un percorso espositivo di tredici artisti contemporanei (Antonella Botticelli, Pasquale Coppola, Alfredo Cordova, Anna Giordano, Agnieszka Kiersztan, Pietro Maietta, Andrea Martone, Laura Niola, Gloria Pastore, Mimmo Petrella, Carmine Posillipo, Peppino Restivo e Nicola Villano) provenienti da storie e formazioni diverse, che a Capodrise si sono incontrati, per la prima volta, con il desiderio di confrontarsi e di interrogarsi. Le opere, nelle diverse e, talvolta, distanti declinazioni, offrono una mappa di ciò che si manifesta guardando la sofferenza negli occhi». La nostra è articolata per “stati d’animo”, capaci di costruire percorsi dell’immaginario, che, nella sfera dei sentimenti femminili, cercano un punto di intersezione. L’esposizione è stata prodotta dall’associazione “Capitrisi” di Francesco Fraio, con la consulenza editoriale del giornalista e copywriter Claudio Lombardi e la collaborazione di Francesca Parisi (segretaria di produzione) e di Fabiana Maietta (fotografa di scena).Schermata 2017-07-12 alle 16.57.16

Ha come partner istituzionali l’Ordine degli architetti di Caserta, il liceo artistico “Buccini” di Marcianise, il liceo artistico “Richi Nervi” di Santa Maria Capua Vetere e il centro studi “De Gasperi” di Capodrise e gode dei patrocini del Ministero dei Beni culturali, della Giunta e del Consiglio regionale della Campania e della Provincia di Caserta. Tra gli eventi collegati, “Art work”, una sezione di Alfredo Cordova e Vittorio Vanacore con opere di giovani talenti provenienti dai vivai dei licei artistici della provincia, e “Controcampo”, un intimo reportage della fotografa Fabiana Maietta sull’arrivo degli artisti al Palazzo.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9694 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

A un passo dalla Reggia apre il Serao cocktail wine and food

(Beatrice Crisci) – Ai casertani era mancato per alcuni mesi. Da quando Giacomo Serao aveva chiuso lo storico bar di via Paolo Emilio Santorio, molti avevano perso un riferimento certo.

Spettacolo

“Stories”, a Varcaturo le atmosfere swing del duo Ricci-Bosso

Emanuele Ventriglia -Venerdì 25 febbraio, presso il Livingston Cafè Restaurant del Lido Varca d’Oro di Varcaturo, si esibiranno Walter Ricci e Fabrizio Bosso.  «Stories» è il titolo dato alla serata,

Primo piano

Caserta, ambasciatore enologico il bartender Giacomo Serao

Enzo Battarra – Il bartender casertano Giacomo Serao è ambasciatore di arte, cultura e ricerca in enologia in Italia e nel mondo. Il riconoscimento arriva dalla Uniposms, l’Università Nuova Scuola