Carceri e Covid, i garanti dei detenuti dal Prefetto di Caserta

Carceri e Covid, i garanti dei detenuti dal Prefetto di Caserta

Stamattina il Garante Regionale dei detenuti Samuele Ciambriello e la Garante Provinciale Emanuela Belcuore sono stati ricevuti dal Prefetto della città di Caserta Raffaele Ruberto e dal capo del Gabinetto, per esplicare le criticità delle carceri del casertano in periodo Covid-19. Gli stessi hanno consegnato al Prefetto sia le proposte dei garanti regionali e locali di modifica del decreto Ristori in materia di carcere, sia l’invito al parlamento per l’indulto. I Garanti hanno portato all’attenzione del Prefetto i problemi strutturali, quali la rete idrica ancora non potabile e la linea telefonica carente, per l’istituto di Santa Maria Capua Vetere, per la casa lavoro di Aversa, unica casa lavoro della Campania dove i ristretti non lavorano, i problemi organizzativi e sanitari legati all’emergenza pandemia anche per le altre carceri di Arienzo e Carinola. La mancanza di prodotti per sanificare le celle, una maggiore attenzione all’igiene personale e un contatto più frequente tramite videochiamate e telefonate sono le richieste dei reclusi. Intanto negli istituti penitenziari del casertano sono una decina di contagiati tra i detenuti e cinquanta circa tra agenti di polizia penitenziaria, amministrativi ed area sanitaria. Ruberto, vista la situazione critica che attanaglia i reclusi casertani scriverà alle istituzioni governative per rappresentare le problematiche affinché si riesca a trovare una soluzione in merito. I garanti continuano a monitorare la situazione delle carceri che in queste ore diventa sempre più problematica. Attualmente i detenuti in provincia di Caserta sono 935 a Santa Maria Capua Vetere, 337 a Carinola, 123 ad Aversa e 57 ad Arienzo.
Per il garante campano Ciambriello e quello casertano Belcuore: “La politica ai vari livelli deve fare scelte coraggiose e giuste. Il diritto alla salute, alla vita vale anche per i detenuti. Il Parlamento e il Governo devono mettere in campo risposte concrete, il carcere non va rimosso.”

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9731 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Manuel Lombardi, il conciato romano viaggia con Titaly online

Claudio Sacco  – È sempre più semplice acquistare i prodotti d’eccellenza del territorio campano. E il “conciato romano“, formaggio più antico d’Italia, il papà dei pecorini nazionali, sbarca nel digital marketing e sceglie

Primo piano

I Love Shopping? No problem! Pensa a tutto il Black Friday

Maria Beatrice Crisci – Il 24 novembre sarà “Black Friday” anche a Caserta. “Black Friday” conquista davvero tutti. E Caserta non rimane a guardare. Infatti, arriva in città il “venerdì nero”

Primo piano

Caserta, l’integrazione a scuola passa per la lingua dei segni

Claudio Sacco per Ondawebtv  – «Si sviluppa, all’insegna della qualità, l’offerta formativa delle scuole casertane». L’assessora alla Pubblica Istruzione Maddalena Corvino presenta così l’iniziativa che sarà adottata nelle scuole dell’istruzione