Caserta, il Wwf per via San Carlo. La città deve partire da qui

Caserta, il Wwf per via San Carlo. La città deve partire da qui

Raffaele Lauria *

– I volontari del Wwf Caserta hanno realizzato in questi anni una copiosa letteratura in merito alla vivibilità di Caserta e anche questa volta fanno sentire la propria voce a sostegno delle tante persone che, residenti e non, lamentano disagi e scarsa sicurezza in una delle strade più importanti della città. Via San Carlo dovrebbe rappresentare un fiore all’occhiello per i tanti turisti che, da quando si è insediato il direttore della Reggia Mauro Felicori, frequentano la Caserta. Invece, questa strada è diventata, a causa della miopia di amministratori e dell’ostinata e ingiustificata resistenza di alcune maestranze, sempre di più piena di insidie. Nello stesso tempo, è diventata un simbolo dell’incapacità cronica a realizzare un progetto di città con un cronoprogramma che la caratterizzi. Nello specifico, costruendo il parcheggio di via San Carlo è caduto anche l’ultimo degli alibi che potrebbe spiegare, ma non giustificare, la resistenza alla sosta selvaggia, in barba ai divieti e al disagio dei pedoni. Con l’inaugurazione dell’ennesimo parcheggio, di cui il Wwf aveva ampiamente spiegato la sua inutilità, continuano a persistere la logica del “così fan tutti…” in qualsiasi ora del giorno e della notte, senza la minima preoccupazione, tanto chi dice nulla? E l’amministrazione? Le opposizioni? Nulla di nuovo all’orizzonte, il solito bla bla bla. Il Wwf Caserta OA continuerà a impegnarsi affinché  via San Carlo diventi un polo di arte, di cultura, di artigianato e di creatività… Un sogno? Assolutamente no, un modello realizzato in tante città d’Europa e a Caserta perché no?

* Responsabile Wwf provincia di Caserta

Questa la lettera inviata al  Sindaco di Caserta

Finanziamenti e riqualificazione ambientale di via San Carlo … se non ora, quando?

Gentile Sindaco Marino, in riferimento alla Sua recente comunicazione , relativa al finanziamento di 18 milioni di euro del governo, nell’ambito del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei Comuni capoluoghi di provincia, all’ipotesi di interventi di riqualificazione urbana e sicurezza delle zone periferiche con l’obiettivo di recuperare la dignità e l’identità espressiva dei luoghi ma anche ampliare l’attrattività turistica e il rilancio economico-sociale, esprimiamo le nostre riflessioni e proposte. Considerato che:

  1. Via San Carlo è tra le più antiche strade di Caserta e precede di alcuni secoli la nascita della Caserta settecentesca. Essa infatti collegava il Villaggio Torre, feudo dei duchi Acquaviva, alla città collinare (oggi Casertavecchia) e la chiesetta monastero di Montevergine ne costituiva il limite, oltre il quale si apriva l’aperta campagna. Via San Carlo quindi è la più importante traccia urbanistica e oggi è l’asse geometrico intorno al quale si è sviluppata la città attuale e per questo motivo deve essere, assolutamente, tutelata e valorizzata.
  2. Innumerevoli sono le segnalazioni e le iniziative effettuate dal Panda Team tese a denunciare il grave e costante stato di parcheggio selvaggio, che mette a rischio l’incolumità dei passanti, e le richieste di interventi strutturali al fine di valorizzarne il patrimonio storico, architettonico oltre che delle attività commerciali.
  3. Sono arrivate anche segnalazioni di difficoltà di intervento dei mezzi dei vigili del fuoco a causa del parcheggio caotico, analogo discorso vale per le ambulanze.
  4. Nonostante la recente apertura del parcheggio di Via San Carlo – fortemente criticato dal Wwf e da altre associazioni in fase di autorizzazione –  a prezzi assolutamente accessibili, persiste un inqualificabile labirinto di lamiere nel quale si rischia la propria incolumità per percorrere il tratto compreso tra via Galilei e via Colombo.
  5. Siamo costretti a denunciare anche danneggiamenti all’arredo urbano, di recentissima realizzazione, dovuto alla totale mancanza di controllo soprattutto durante le notti della movida.

Al fine di :

  1. contenere il caos che regna indisturbato a via San Carlo nel tratto compreso tra la chiesetta di Montevergine e l’angolo di via Colombo
  2. ridurre l’inquinamento dell’aria,
  3. favorire la percorrenza delle persone diversamente abili
  4. migliorare la vivibilità dei residenti,
  5. tutelare l’intera area a verde urbano che collega villetta Giaquinto – ingresso via Galilei – al parcheggio di via San Carlo,
  6. valorizzare anche dal punto di vista turistico la zona e quindi liberarla dal traffico e dal parcheggio selvaggio.

Chiediamo con forza che l’attuale amministrazione, coerentemente a quanto dichiarato al suo insediamento – “amministrare per realizzare una città normale” – effettui interventi immediati, anche strutturali, in via San Carlo,   installando su entrambi i lati lungo tutto il tratto di via San Carlo dall’angolo di via Galilei all’angolo di Via Colombo,  così come già fatto in altre zone della città,  transenne parapedonali stradali. In tal modo, il traffico fluirebbe senza inutili e inaccettabili ingorghi – con conseguente riduzione del tasso di inquinamento dell’aria –  dovuti esclusivamente alla sosta selvaggia, attualmente ancora più ingiustificata visto che il suddetto parcheggio resta puntualmente poco frequentato. Nello stesso tempo, l’installazione delle transenne parapedonali rappresenterebbe un salvagente a tutela dell’incolumità dei residenti e dei passanti che non sarebbero più costretti a fare slalom rischiosissimi tra le auto.

Il tutto ovviamente con un controllo da parte della polizia municipale che attualmente risulta insufficiente.

Il suddetto finanziamento rappresenta un’opportunità unica per rilanciare via San Carlo quale cerniera di uno sviluppo turistico e commerciale moderno e  sostenibile dal punto di vista ambientale. Per questo reiteriamo la domanda …”se non ora , quando”?

Il Panda Team del Wwf Caserta OA

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9731 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Serenata al Piccolo di Caserta, Gino Accardo chiude l’anno

Pietro Battarra – Gli spettacoli della diciottesima stagione teatrale al Piccolo Teatro Cts al civico 6 di via Louis Pasteur a Caserta (zona Centurano) riprendono dopo la piccola pausa natalizia. L’ultimo

Spettacolo

Carlo Buccirosso fa tappa al Teatro Garibaldi

Magi Petrillo – Mercoledì 26 febbraio alle ore 20.45 Teatro Ricciardi di Capua l’Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro presenta Carlo Buccirosso in “La rottamazione di un italiano perbene tratto da Il miracolo

Spettacolo

Festa del Dono. Torna in scena il Jazz Club Lennie Tristano

Martedì 4 ottobre va in scena ad Aversa la seconda giornata della Festa del Dono, maratona di solidarietà che quest’anno vede protagonisti fianco a fianco la Libreria Sociale “Il Dono”e