Castel Morrone, la gara del solco esempio di land art popolare

Castel Morrone, la gara del solco esempio di land art popolare

Claudio Sacco

Schermata 2017-09-05 alle 09.45.15– La Gara del Solco a Castel Morrone ha una tradizione molto antica quanto affascinante che si ripete anno dopo anno. La notte del 7 settembre i solchi verranno illuminati e saranno visibili dall’alto di Monte Castello dove, in occasione di questo rituale, il Popolo Vascio, gruppo musicale popolare, suonerà sul sagrato della chiesa pronto ad accogliere gli amanti delle danze popolari. Il programma della manifestazione si avvale graficamente di un’opera di Giovanni Tariello, l’artista morronese che ha sempre studiato e rielaborato in pittura e in scultura le tradizioni contadine e i rituali della terra, con un’interpretazione ai limiti della land art.
La gara del solco a Castel Morrone affonda le sue radici nella cultura contadina. Risale probabilmente all’epoca romana, quando era consuetudine tracciare un solco votivo in direzione di un tempio dedicato a un dio o a una dea. Si tratta di un solco rituale collegato con la festività della patrona del paese, Maria Santissima della Misericordia.
Questa gara è un misto di sacro e profano, di rivalità civica e di affetto devozionale, ma soprattutto è una gara di abilità contadina nel tirare il solco più dritto e più profondo.

Il solco parte dalle colline circostanti, attraversa boschi, vallate e campagne. Quando si incontra un ostacolo sul cammino (una siepe, una casa), il solco riprende dall’altro lato. Anche i campi coltivati vengono attraversati senza alcun problema. Il giorno della festa (8 settembre) una commissione, composta da tecnici, cultori di tradizioni popolari e anziani contadini, si reca sul monte e decreta la vittoria al miglior solco che deve rispondere ai seguenti requisiti: linearità, lunghezza, difficoltà incontrate nel percorso, visibilità e spettacolarità.

gara del solcoFino a qualche anno fa i solchi venivano tracciati con l’aratro dai buoi, ma, negli ultimi anni, venendo a mancare questi ultimi, si fa ricorso a mezzi agricoli meccanici. D’altra parte anche i contadini si vanno estinguendo per la mutata economia del paese. Rimane, però, intatta la rivalità tra le singole squadre e le frazioni del paese ed è questo elemento, insieme con l’atto devozionale, a perpetuare questo rito. Pertanto, anche se i componenti delle squadre sono impegnati in altre attività non agricole, durante il periodo della tracciatura del solco trovano sempre il tempo per lasciare le proprie attività lavorative e dedicarsi interamente alla gara.
Le donne per lungo tempo hanno avuto un ruolo marginale nell’opera di preparazione dei solchi, ma questo è il secondo anno che partecipano con una loro squadra: “Le donne fanno sempre storia”.
Il solco, disciplinato da un regolamento, negli ultimi anni ha trovato nuova linfa e vigore, vuoi per la partecipazione alla gara di giovani e giovanissimi, spesso figli e nipoti di vecchi tracciatori di solchi, vuoi per il nuovo impulso che è stato dato alla gara, con la sua promozione al di fuori dei confini del paese, in ambito provinciale prima, regionale poi. E ciò anche con l’ausilio di sponsor pienamente coscienti dell’importanza della valorizzazione di questo evento.
notturna solchiL’esigenza di relazionare all’esterno la tradizione del solco è stata avvertita dall’attuale amministrazione comunale, perché il suo mantenimento in vita costituisce elemento singolare di una cultura, quella contadina, che, seppure evolutasi, mantiene inalterate le sue connotazioni fondamentali, sfuggendo, così, ad un’omologazione degli eventi culturali in tutte le realtà, comprese quelle di chiara impronta rurale. La sua valorizzazione trova, quindi, la necessaria esigenza per mantenere inalterata la tradizione.
Negli ultimi anni, l’illuminazione notturna dei solchi con delle fiaccole poste lungo il tragitto, se da un lato ha contaminato la tradizione, dall’altro ne ha notevolmente innalzata la spettacolarità, permettendo l’osservazione dei solchi anche la notte. Questo elemento, unitamente alla tracciatura dei solchi con mezzi meccanici, rappresenta l’evoluzione che la gara ha subìto nel finire del secondo millennio.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9727 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Soliti Ignoti, il bubble show di Stefano da Sant’Arpino a Rai1

Maria Beatrice Crisci -Il giovane animatore Stefano Mauriello tra gli otto ignoti della trasmissione «Soliti Ignoti» condotta da Amadeus su Rai Uno. Una bella occasione per Stefano di Sant’Arpino, per

Attualità

Caserta. Commissione Pari Opportunità, al via due progetti

Al via due nuove iniziative della Commissione Pari Opportunità Città di Caserta. La campagna “Non sei sola”, volta a supportare le donne vittime di violenza nell’attuale emergenza sanitaria, e la

Arte

Skyline. Vincenzo Rusciano alla Galleria Nicola Pedana

Claudio Sacco – La Galleria Nicola Pedana a Caserta (piazza Matteotti 60) presenta giovedì 6 dicembre la mostra di Vincenzo Rusciano dal titolo “Skyline”. Il vernissage è per le 18,30.