Chocolate Days all’ombra della Reggia, pasticcieri in azione

Chocolate Days all’ombra della Reggia, pasticcieri in azione

Marco Cutillo

Chocolate DaysIl sabato più freddo di questo autunno è stato sconfitto. Sono numerosi i casertani e i non casertani che sono accorsi a Piazza Gramsci per la quarta edizione della Festa del Cioccolato. Tra gli stand di legno e l’inebriante odore del dolciume più amato, declinato in tutte le sue forme, è stato possibile osservare il processo di realizzazione di alcune prelibatezze. Le iniziative si sono svolte al Chocolate Laboratory, grazie all’organizzazione di Paola Viscito del Movimento Turismo del Cioccolato.

Già in mattinata, con la collaborazione dei ragazzi dell’Istituto Alberghiero “Veronelli” di San Prisco, per i bambini è stato possibile assistere alla realizzazione di biscotti natalizi. Si è proseguito, poi, nel pomeriggio, con un doppio appuntamento. In un primo momento, Mario Pentoniero, ancora dell’istituto “Veronelli”, ha realizzato una “Appleciock”, una torta di pandispagna al cacao ricoperta di cioccolato e mele caramellate. Inoltre è stato possibile accompagnare la degustazione con un pallagrello bianco, magnificamente abbinato con i dolci. Tuttavia l’appuntamento conclusivo si è confermato, senza dubbio, punta di diamante dell’intera giornata. I curiosi hanno potuto osservare la maestra cioccolatiera Anna Chiavazzo mentre realizzava i suoi “Dolci donne di storia”, cioccolatini ispirati a tre donne che hanno abitato la Reggia di Caserta. La chef ha ideato tre ganache (farciture) diverse, una per ogni donna, ricostruendo, attraverso i sapori, la personalità di Maria Amalia, Maria Carolina e Lady Hamilton. «Il cioccolato è una grande mezzo di comunicazione», le parole di Anna Chiavazzo. «Grazie al cioccolato si può fare anche cultura». I cioccolatini, veri e propri gioielli di pasticceria, hanno ricevuto lo scorso ottobre il marchio di eccellenza della Reggia di Caserta, confermando ancora di più quanto il nostro territorio si possa distinguere anche nel bene.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9739 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Carlo Alfano, quel maestro che “torna” alla Reggia di Caserta

Maria Beatrice Crisci – Foto di copertina di Augusto De Luca – Tornano alla Reggia di Caserta i “maestri di Terrae Motus”, o almeno tornano nel ricordo che verrà fatto di

Primo piano

Malattie sessualmente trasmette, l’Ordine fa prevenzione

Maria Beatrice Crisci -L’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Caserta, di cui è presidente Carlo Manzi, ha dato il via ad una campagna di sensibilizzazione rivolta ai giovani

Spettacolo

Le cinque rose di Jennifer, va in scena al Teatro Comunale

Redazione -Da venerdì 24 marzo a domenica 26 marzo sul palco del Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta la Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini presenta Le cinque rose