Clendy Aversa, turno infrasettimanale in trasferta

Clendy Aversa, turno infrasettimanale in trasferta

Ora o mai più. Non sono più ammessi errori e serve solamente la vittoria. La Clendy Aversa è arrivata ad una fase cruciale del proprio campionato e dopo cinque sconfitte consecutive ha la necessità di ritrovare la via del successo per cercare di salvare una stagione intera. Il girone di ritorno delle ragazze normanne si è aperto come peggio non poteva (un solo punto in 5 gare) ed è giunto il momento di dimostrare carattere, cuore e orgoglio. Capitan Drozina e compagne scenderanno in campo domani sera (fischio d’inizio alle 20.30, arbitri Giuseppe De Simeis e Giuseppe Maria Di Blasi) al Palasport del Campus dei Licei di Cisterna di Latina contro l’Omia, fanalino di coda del girone di Serie A2 femminile con appena 8 punti conquistati in 18 gare. La Clendy arriva a questo delicato incontro con la consapevolezza di non poter più sbagliare perché la classifica, giornata dopo giornata, si è fatta sempre più complicata e se si vuole continuare a sperare in qualcosa di importante bisogna cambiare la rotta e macinare gioco e punti. Coach Luciano Della Volpe ha chiesto alle proprie atlete una gara di personalità contro una formazione che però non deve assolutamente essere sottovalutata perché anche domenica contro la Golem Software Palmi nonostante la sconfitta per 3-0 ha confermato di potersela giocare alla pari con tutte. Le laziali hanno in Kenny Moreno Pino il termine offensivo più pericoloso e la Clendy dovrà fare attenzione in particolar modo a lei. All’andata finì con un perentorio 3-0 delle normanne ma questa di Cisterna sarà tutta un’altra gara. Si andranno a sfidare due formazioni che hanno bisogno di punti salvezza e ci sarà sicuramente tanta pressione su tutte le giocatrici che scenderanno in campo. Ma la Clendy nonostante il periodo negativo è consapevole di poter fare una grande gara perché il roster ha qualità importanti che devono solamente essere sfruttate al 100%. E solamente insieme, facendo gruppo, si potrà tornare alla vittoria e a ritrovare quel sorriso che deve lanciare la volata per un finale di campionato che si annuncia infuocato. Con obiettivi che, seppur lontani, sono ancora raggiungibili.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9576 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

Caiazzo Masterchef, Amelia Falco e Kateryna Gryniukh da Zest

Maria Beatrice Crisci – Metti, una sera a cena, due brave cuoche che si incontrano da Zest, il ristorante “di gusto” insediatosi su quella miniera di sapori che è la collinare

Primo piano

Il Dialogo dei Contrapposti. I protagonisti del ‘900 alla Reggia

Claudio Sacco – Domani sabato 18 maggio alle ore 18 la presentazione nel Teatro di Corte della Reggia di Caserta della mostra «Il dialogo dei Contrapposti. I protagonisti del ‘900» a

Salute

Quando la pelle si macchia, i vizi capitali dell’estate

(Enzo Battarra) – Tempo di autunno, tempo di macchie. La pelle arriva a settembre con tutti i segni di un’esposizione il più delle volte incontrollata al sole. Sono passati decenni