Confesercenti Caserta, un premio per chi ha fatto l’impresa

Confesercenti Caserta, un premio per chi ha fatto l’impresa

Maria Beatrice Crisci

confesercenti - impresaPremio Impresa 2017, competività e turismo. Saranno ben 40 le aziende casertane che saranno premiate il prossimo 29 novembre alle ore 10 nella Sala della Gloria al Palazzo Reale di Caserta. L’iniziativa è della Confesercenti provinciale, di cui è presidente Maurizio Pollini.

pepe confesercentiIl Premio Impresa 2017, competività e turismo, è stato presentato nel corso di una conferenza stampa presso il Ristorante le Tre Farine a Caserta. Con Pollini, il direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori, il consigliere provinciale Gianluigi Santini, l’assessore comunale alla Programmazione dello sviluppo produttivo della città Emiliano Casale, il maestro pizzaiolo Franco Pepe. Quindi, Vincenzo Schiavo presidente della Confesercenti Napoli nonché console onorario a Napoli della Federazione Russa in Italia. A moderare l’incontro il direttore dell’associazione casertana Gennaro Ricciardi. “Oggi c’è una Caserta diversa da tanti anni fa. Una Caserta che premia il lavoro”, ha sottolineato Franco Pepe ambasciatore della pizza nel mondo.

“Io oggi mi sento una grande responsabilità, ma c’è bisogno di collaborazione da parte delle istituzioni che devono dialogare con chi cerca di lavorare per il territorio”. Per Felicori: “L’impresa è una concentrazione di coraggio, coerenza, intelligenza, di lavoro duro. L’impresa è il riferimento delle società aperte. Senza un rapporto con le imprese del territorio, l’intreccio tra Reggia e territorio non si può sviluppare. Abbiamo la Reggia che cresce, questo apre delle possibilità enormi, ma queste possibilità si stanno sfruttando davvero poco. L’obiettivo è quello di una Reggia che comunica. C’è un grande potenzialità a Caserta, ci sono centinai di migliaia di persone che arrivano qui, quest’anno chiuderemo verso gli 800 mila. Tutte persone che mangeranno, dormiranno e compreranno qui e  che vogliono entrare in un museo sempre più vivo. Ci sono tante reti da tessere ed è per questo che le categorie economiche e le istituzioni hanno un ruolo molto importante”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8916 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Sana alimentazione e sport. Monda, le colonne del benessere

Maria Beatrice Crisci -«I periodi di quarantena hanno aggravato la prevalenza di obesità e di sedentarietà nella popolazione generale, specialmente nelle aree densamente popolate come quelle metropolitane». Così il professore

Stile

Brunello Cucinelli, presentazione da Mario D’Anna a Caserta

Maria Beatrice Crisci – Lui è Brunello Cucinelli, re del cachemire ma anche principe di Solomeo. Nel piccolo borgo umbro, infatti, il grande imprenditore sta portando avanti il suo sogno di un

Attualità

La Reggia di Caserta e l’enogastronomia conquistano i russi

(Beatrice Crisci)    Continua l’attenzione per la Reggia di Caserta anche oltre i confini dell’Italia. La conferma è data dalla presenza oggi in città di ben 60 tour operator russi.