Dalla Cina, un esercito di terracotta “conquista” Napoli

Dalla Cina, un esercito di terracotta “conquista” Napoli

Mario Caldara

– Certe storie sono così lunghe che tentare solo di immaginare la loro origine fa venire le vertigini, manco ci si trovasse sulla cima di un grattacielo. La Cina ha quel tipo di storia. Immensa, affascinante, così lontana da noi e, a tratti, sconosciuta. Il mondo cinese è una miniera d’oro culturale, tra miti e leggende, storie di spiriti e l’affascinante “città proibita” che, solo a nominarla, illumina gli occhi di qualsiasi appassionato di storia orientale. Storia e cultura cinesi hanno un’impronta totalmente diversa da quella che si è abituati a vedere o a leggere sui libri di storia generalmente utilizzati nelle scuole italiane. Ciò non vuol dire che inserire tracce storiche cinesi in un contesto che non sia il loro habitat naturale produca un suono sgradevole o stonato. Napoli ne è la prova, essendo l’unica tappa italiana de “L’esercito di terracotta”, una mostra che vede due culture, quella del luogo ospitante e quella degli “ospiti”, che s’intersecano, che sfumano l’una nell’altra. La navata della basilica dello Spirito Santo su via Toledo fa così da palcoscenico fino al 28 gennaio per i centosettanta guerrieri a grandezza naturale. Questi catturano l’occhio nel dettaglio, con quei visi quasi ipnotici, i paramenti, armature e calzari e compongono solo parte della mostra. Ai guerrieri, infatti, si aggiungono anche altre opere di terracotta, quali armi, suppellettili, vasellame e oggetti d’arte, per un totale di trecento pezzi. La mostra, poi, è arricchita da pannelli esplicativi, inserti audiovisivi, videoproiezioni e audioguide (segno dell’estrema cura con cui è stata organizzata), grazie ai quali lo spettatore può conoscere in modo approfondito ogni informazione legata alle opere d’arte, compreso il contesto storico e culturale con usi e costumi della Cina antica. Ogni pezzo presente, però, non è l’originale ma una riproduzione precisa, creata da artigiani locali attraverso antiche tecniche di fabbricazione, mentre le statue dei soldati sono state ricavate dal calco utilizzato su quelle originali. Inoltre, “l’esercito” e tutti i pezzi in mostra sono solamente una parte dell’enorme corredo funebre originario, che conta ben ottomila statue, un numero enorme che sorveglia il mausoleo di Qin Shi Huang a Xi’an, il primo imperatore della Cina. Non appena si è nei pressi della navata della basilica dello Spirito Santo, si avverte quasi di assistere davvero alla conquista della città da parte dell’esercito, quasi come se le statue prendessero vita. Senza dubbio, però, la vera conquista fatta da ogni singola statua è quella artistica, grazie alla bellezza di cui sono portatrici.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9727 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Goffredo e l’Italia chiamò, il nuovo film di Angelo Antonucci

-La Liguria e il Lazio splendido set cinematografico per Goffredo – e l’Italia chiamò, film che vede la firma per soggetto, sceneggiatura e regia di Angelo ANTONUCCI. Le riprese del film,

Primo piano

Carditello, riapertura del Real Sito tra natura e cultura

Pietro Battarra E’ tutto pronto per la riapertura del Real Sito di Carditello con visite gratuite nelle sale reali e percorsi benessere – completamente immersi nei boschi bonificati dalla Fondazione guidata

Comunicati

Crisi industriale, al Comune di Caserta tavolo per lo Sviluppo

(Comunicato stampa) -Crisi industriali, infrastrutture e una nuova strategia per una politica concreta di rilancio del territorio. Sono questi i temi principali affrontati stamani nella riunione del Tavolo per lo