Di corsa per 29 ore, così si promuove un corretto stile di vita

Di corsa per 29 ore, così si promuove un corretto stile di vita

Maria Beatrice Crisci

Schermata 2017-05-22 alle 18.55.34“Stanco si, ma soddisfatto. Una sfida con me stesso. Devi starci per capire cosa significa. Una gara completamente diversa dalle solite maratone. È un guardarsi dentro per ben 29 ore”. Angelo Aspromonte, commercialista di professione, ma podista per passione, racconta a OndaWebTv la sua recente avventura sportiva.

Angelo, casertano doc, è arrivato 39 esimo al traguardo della Nove Colli Running 2017. La manifestazione sportiva consiste in una gara podistica dal carattere non competitivo che si articola lungo il tracciato della nota Gran fondo di cicloturismo dal mare alle foci del Tevere in tre tappe: Cesenatico – Madonna del Farneto – Sarsina – Monte Fumaiolo, per un totale di 202Km tra fatica e soddisfazione. “Siamo partiti in 133, siamo arrivati circa 51. Con il senno di poi dico – aggiunge – che ci avrei pensato più di dieci volte”. Angelo naturalmente si è preparato adeguatamente a questa competizione non solo dal punto di vista fisico, ma si immagina anche alimentare. “Certo! Da un anno e mezzo mi segue un nutrizionista e ho avuto in questo tempo risultati davvero strabilianti. L’alimentazione è fondamentale. Devo dire che i migliori risultati li ho avuti da quando faccio riferimento al nutrizionista. La mia è un’alimentazione corretta, che non significa stare a dieta. Questo mi serve per stare meglio non solo fisicamente ma anche psicologicamente. E dopo questo grande sforzo, ti assicuro che ho tutta la forza e la voglia per riprendere i miei allenamenti soliti”.

La società per la quale Angelo Aspromonte gareggia è la Power Casagiove alla quale fanno parte anche gli altri atleti casertani, tutti affermati professionisti con i quali nel novembre 2015 ha partecipato alla maratona di New York.  Tutti amici  che da un po’ di tempo hanno fatto del vivere sano e dell’attività fisica uno stile di vita. Oltre alle motivazioni personali, Aspromonte insieme con altri tre atleti casertani, l’ingegnere Rosario Navas, imprenditore edile, il maggiore dell’Esercito Giuseppe Pontillo e il manager della Mister Holiday di Recale Raffaele Lobello. portò a New York anche un messaggio sociale legato alla terra di origine e al dramma dell’avvelenamento dai rifiuti tossici.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8558 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Un tempo erano i matusa, ora i giovani li chiamano boomers

Teresa Bifulco* – Anche a chi abbia scarsa dimestichezza con i social network sarà probabilmente capitato di imbattersi nella parola boomer: si tratta di una forma che in tempi recenti

Attualità 0 Comments

Bar Serao, da Alice un defibrillatore all’Asd reggia running

Maria Beatrice Crisci -Sport e salute all’ombra della Reggia. Appuntamento domani alle 20 al bar Serao in Corso Trieste. E’ qui che Alice (Associazione per la lotta all’ictus cerebrale) ringrazierà

Primo piano 0 Comments

A che servono questi quattrini, la pièce al Teatro Garibaldi

Roberta Greco -Dopo Caserta e Capua, arriva a Santa Maria Capua Vetere il prossimo week end lo spettacolo «A che servono questi quattrini» di Armando Curcio. Appuntamento al Teatro Garibaldi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply