Dolci di Carnevale, alle chiacchiere il primato nelle preferenze

Dolci di Carnevale, alle chiacchiere il primato nelle preferenze

Claudio Sacco

-Mezzo miliardo di euro. A tanto ammonta, all’incirca, il giro d’affari dei dolci di Carnevale. Un mercato in costante aumento cresciuto quasi del 25% circa nell’arco di cinque anni. A rilevarlo una indagine condotta da CNA Agroalimentare tra i suoi iscritti di tutta Italia. Una voglia di festeggiare, quindi, che rimane prepotente negli italiani nonostante l’orientamento sempre più diffuso nelle famiglie, complice il confinamento e la crisi, a dedicarsi alla cucina. Evidentemente, però, non è vero che a Carnevale ogni frittella vale.

C’è frittella e frittella – spiegano i pasticceri e gli altri operatori del settore iscritti a CNA Agroalimentare – e quella degli artigiani ha un altro sapore. C’è poco da fare. Come testimoniano i buongustai italiani, decisi a farsi questa concessione e a concedersi qualche peccato di gola prima di immergersi nel periodo quaresimale, che in verità dura da un anno e si spera possa interrompersi ancora prima dei quaranta giorni previsti dal calendario ecclesiastico.

Ma quali sono i Dolci di carnevale più amati, e comprati, dagli italiani? In testa, senza concorrenti che tengano, sono le chiacchiere nelle varie denominazioni locali. Chiacchiere, appunto, in Lombardia, Piemonte, Campania, Sicilia e quasi tutto il Sud. Frappe a Roma e nel Lazio, cenci in Toscana, bugie in Liguria, ciarline in Emilia, fiocchetti in Romagna, crostoli in Friuli Venezia Giulia. Nelle varie declinazioni, fritte della tradizione, al forno per i salutisti, magari bagnate nella cioccolata fusa per i goduriosi. Da sole valgono – secondo le stime di CNA Agroalimentare – tra il 40 e il 50% del ricco mercato dei Dolci di Carnevale.

Alle spalle delle chiacchiere, ormai diventate il dolce nazionale di Carnevale, eccezion fatta per il diverso modo di chiamarle, emerge la cucina di territorio nella sua estrema varietà. Tra i prodotti più venduti si piazzano i tortelli (Lombardia e altre aree del Nord), gli strufoli o struffoli (in tutto il Mezzogiorno, con qualche variante chiamati pignolata in Sicilia), il migliaccio e la graffa a Napoli e dintorni, le castagnole (nel Lazio, nelle Marche e un po’ in tutto il Centro), le fritole veneziane, i galani veneti, il bujarnik friulano.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Si chiama Carmen Ragozzino, capuana, candidata a Miss Italia

Maria Beatrice Crisci – Ha ventun anni Carmen Ragozzino. È di Sant’Angelo in Formis, il borgo capuano della celeberrima Abbazia, alla falde del monte Tifata. Carmen è la vincitrice della dodicesima

Primo piano

Eduardo e le sue donne, il libro di Antonio Sapio al Museo Campano

Luigi Fusco -Eduardo e le sue donne, tra teatro e affetti familiari: è il tema portante della narrazione che si sviluppa in seno al volume Essa – ritratti femminili del

Spettacolo

Virtuoso Flute Quartet, flauti in rosa a Palazzo Cascella

Claudio Sacco – L’associazione culturale MirArte di Aversa propone per questa sera un omaggio ai più grandi compositori contemporanei che, con le loro musiche, hanno segnato il successo di parecchie pellicole