“Donna come tutte le altre”, un convegno alla Parthenope

“Donna come tutte le altre”, un convegno alla Parthenope

(Mario Caldara) – C’è un dato evidente e, ammettere la sua esistenza, lascia parecchia amarezza: la società, qualunque siano i confini geografici o la lingua parlata, poggia purtroppo su un solo prototipo di essere umano: possibilmente bello, fisico in stato di grazia, carismatico.

Schermata 2017-01-19 alle 13.13.00C’è questo concetto di “perfezione”, di “precisione”, che viene sbattuto in faccia ogni giorno da qualsivoglia spot televisivo e cui la gente, specie le nuove generazioni, tendono, aspirano, come se non esistesse maggiore ricchezza. Basterebbe controllare ciò che accade sui social network. Foto, pose, tutto sembra andare oltre il concetto di estetica. È una insaziabile e terribile voglia di mettersi in mostra, senza rendersi conto dell’effimero che c’è dietro. E cosa ne è degli altri, quelli che non rientrano nei canoni, nelle regole? Semplicemente non si vedono. Sembrano non esistere, sono fuori dal mondo, almeno fino a quando non rientrano in scena e spuntano tra i “normali”, attirando sguardi o di disinteresse o di compassione, per poi scomparire di nuovo. Si prenda il caso delle donne non vedenti: quanto si fa per loro, affinché la loro integrazione in società sia naturale? Nonostante le battaglie che la donna ha combattuto, nonostante la scalata sociale che ha intrapreso e sta intraprendendo ancora oggi, questa, nel campo del lavoro, non è ancora considerata pari dell’uomo. E cosa vuol dire oggi essere donne non vedenti? Qual è la loro condizione? L’autonomia personale, l’inserimento nel mondo del lavoro, la famiglia, la maternità, la separazione, sono tutti aspetti della vita quotidiana, della vita normale, cui ogni essere umano femminile ha diritto. È proprio questo il punto: quanto quotidiani sono effettivamente questi aspetti nella vita di una donna non vedente? “Donna come tutte le altre” è un seminario che venerdì 20 gennaio si terrà all’Università di Napoli Parthenope. Si rifletterà su questo, sulla diversità, sull’integrazione in società di chi non “rispetta in pieno” il modello dell’essere umano ormai consolidato nell’immaginario collettivo. L’evento, organizzato da Maria Luisa Iavarone, è suddiviso in tre sessioni, intitolate “Storytelling di esistenze ed esperienze”, “Temi e problemi” e “Strategie e Politiche”.

Il convegno vede la partecipazione di studiosi di chiara fama tra cui Paola Aiello dell’Università di Salerno. Molto attese saranno le testimonianze dirette di donne non vedenti, che parleranno delle proprie esperienze, della propria storia e del modo in cui si sentono inserite nella società odierna, che va continuamente di corsa, senza fermarsi mai per rifiatare. Inoltre, esperti di settore, politici e amministratori illustreranno diversi aspetti della disabilità visiva, parlando del rapporto, purtroppo conflittuale, con alcuni diritti fondamentali della vita di queste donne. Ci si riferisce al diritto all’autonomia personale, al diritto alla genitorialità biologica e all’adozione, al diritto a potersi unire così come separare. Ma, soprattutto, al diritto di essere, di vivere senza pregiudizi, senza barriere che costituiscano ostacoli. Perché è questo che la società sembra fare. Non sembra “costruita” incondizionatamente per tutti, tende a emarginare, a dimenticarsi di chi ha più bisogno, fino a non riuscire a sentire le loro voci. Non resta che urlare ancora più forte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

La pianista Giuseppina Torre nella Chiesa San Ferdinando Re

-Domenica 15 gennaio si terrà il concerto della pianista e compositrice Giuseppina Torre a Caserta presso la Chiesa San Ferdinando Re, all’interno del complesso monumentale Belvedere di San Leucio patrimonio

Primo piano

La Magia del Natale. Eventi del prossimo weekend

Pietro Battarra – Continuano senza sosta gli eventi de La Magia del Natale. Nel fine settimana protagonisti dei Mercatini Natalizi saranno i prodotti artigianali, vere eccellenze. La manifestazione del Movimento

Primo piano

Eventi ai siti borbonici Unesco, Caserta presenta i suoi gioielli

Claudio Sacco  – E’ per lunedì 5 agosto alle ore 11,30, presso il Teatro di Corte della Reggia di Caserta​, la presentato del programma della rassegna “Emozioni e suggestioni borboniche. Musiche, storie, giochi e