Espedito De Marino, al Quartiere Militare per Palco Libero

Espedito De Marino, al Quartiere Militare per Palco Libero

-Venerdì 14 luglio, alle ore 21, parte dal Quartiere Militare Borbonico di Casagiove, nell’ambito della rassegna Palco Libero, il tour estivo di Espedito De Marino per ricordare il Maestro Roberto Murolo nel ventennale della sua scomparsa avvenuta il 13 marzo 2003. La scelta di Casagiove non è del tutto casuale poiché il maestro Roberto Murolo, ogni qualvolta era impegnato con i suoi concerti a Caserta e dintorni, amava trascorrere le serate, dopo le esibizioni, presso la nota “trattoria” “Le quattro fontane” di Casagiove dove poteva gustare dell’ottimo baccalà e le famose anguille fritte. Espedito De Marino, chitarrista storico di Roberto Murolo, con questo tour estivo che lo vedrà impegnato in tante località, tra cui Castellana Grotte (Bari), Cetara, Palinuro, vuole ricordare il suo Maestro e pigmalione che lo ha consacrato suo erede. Espedito De Marino, musicista chitarrista virtuoso e poliedrico, di fama internazionale, compositore arguto ed un sagace insegnate di masterclass musicali e nei conservatori italiani. E’ l’erede del grande Roberto Murolo con cui ha lavorato fianco a fianco per anni ed a cui è stato legato amichevolmente in modo profondo. “Canto la bella canzone napoletana scritta da grandi poeti e musicisti” tiene a sottolineare Espedito De Marino, nativo campano di Scafati (SA) e giramondo per i suoi meravigliosi concerti di promozione della musica napoletana tradizionale collaborando ed esibendosi con notissimi artisti tra cui Gigi D’Alessio, Katia Ricciarelli, Mario Merola, Lenny Kravitz, Ron e tanti altri. “Roberto Murolo – ricorda Espedito De Marino – mi venne presentato dal mio Maestro Eduardo Caliendo nell’ottobre 1982 come “Premio” per essermi classificato 1° ad un prestigiosissimo Concorso Internazionale per chitarristi dell’epoca, quello di Loreto di Ancona. Conobbi lui e il suo manager Comm. Ugo Sannino che divenne un mio grande amico ed estimatore. Murolo ascolto’ delle mie rielaborazioni per chitarra di alcune celebri canzoni napoletane scritte dal padre, il “sommo” poeta Ernesto Murolo. Rimase colpito soprattutto per la mia esecuzione del “Tremolo”, tecnica particolare riferita alla “nota ribattuta” che per noi chitarristi è un “asso nella manica”; a me veniva abbastanza naturale e di questo Murolo restava affascinato. Dal 1987 al 2003 non ci siamo più lasciati, divenne un forte rapporto d’amicizia, ci confrontavamo tutti i giorni anche su ciò’ che reciprocamente non condividevamo, anche su scelte musicali ed imprenditoriali. Insieme nel 1991 abbiamo scritto “Serenata a chi dorme”, l’ultimo componimento in versi di Roberto Murolo, ed a me chiese di musicarlo”.

Comunicato stampa

About author

You might also like

Primo piano

Museo Archeologico dell’Antica Capua, qui la Festa della Musica

Luigi Fusco -Il Museo Archeologico Nazionale dell’Antica Capua si prepara ad accogliere gli amanti dell’arte di Euterpe in occasione della Festa della Musica, evento nazionale giunto alla sua trentesima edizione.

Primo piano

La parola alla musica, Napoli e il jazz narrati da Lello Petrarca

Alessandra D’alessandro -Nel Cortile Agorà della biblioteca comunale Alfonso Ruggiero di Caserta si è tenuto ieri il secondo appuntamento del ciclo «La parola alla musica», format ideato dall’assessore alla Cultura

Primo piano

Carditello diventa Villaggio Reale per una domenica di eventi

Pietro Battarra – Cinque eventi dedicati alle eccellenze del territorio della Regione Campania. Il primo appuntamento è per domenica 3 marzo, dalle ore 10. Tutti gli eventi sono promossi dalla