Ferdinando IV sorregge la fede, alla Reggia la tela con le Virtù

Ferdinando IV sorregge la fede, alla Reggia la tela con le Virtù

Luigi Fusco (Ph Marcello Belli)

Foto di Marcello Belli

– Presso il Museo degli Argenti Sacri della Cappella Palatina della Reggia di Caserta è esposto un dipinto intitolato Ferdinando IV che sorregge la fede. Si tratta di una tela, datata alla seconda metà del Settecento, attribuita al pittore abruzzese Giuseppe Ronzi.

Il sovrano, vestito con una pesante armatura su cui è poggiato un grosso manto rosso, è rappresentato al centro della composizione mentre viene incoronato da una figura femminile. Attorno allo stesso re sono presenti altri soggetti, tutti caratterizzati da specifici attributi iconografici. Ulteriori personaggi sono, poi, collocati avanti al nucleo principale. Immediatamente dietro si staglia, invece, un’imponente struttura architettonica ornata di sculture.

Più che dal punto di vista stilistico, il quadro risulta essere molto interessante per il suo impianto iconografico, in quanto vi sono presenti diversi elementi simbolici che mettono in risalto Ferdinando IV sia come monarca sia come difensore della fede cristiana. Difatti, il Borbone è circondato dalle figure allegoriche delle virtù umane e spirituali, a loro volta suddivise tra cardinali e teologali. Partendo dalla destra del re, si individua per prima la Fede, i cui attribuiti, di origine medievale, sono la croce e il calice con l’ostia; affianco compare la Carità, raffigurata come Virgo lactans, con in grembo un bambino; segue la Prudenza, identificabile attraverso lo specchio che sostiene, simbolo, che sin dall’età altomedievale, alludeva alla “capacità dell’uomo savio di vedersi cosi com’è”; intenta a incoronare il re c’è, poi, la Sapienza, riconoscibile attraverso il ramo d’ulivo, attributo mutuato da Minerva; si affianca ad essa il soggetto della Giustizia mentre porge lo scettro a Ferdinando. Questa figura è, inoltre, identificabile anche attraverso la presenza del fascio littorio; inginocchiata è la Speranza, impegnata a sollevare un piatto su cui è poggiato un cartiglio, con affianco l’ancora: suo attributo principale. Posta a lato della composizione centrale è, infine, la Fortezza, il cui motivo figurativo è contraddistinto dall’armatura che indossa e l’elmo che le cinge il capo. In primo piano è, invece, raffigurato Ercole, con la classica leontè, impegnato nello scacciar vie le eresie, rappresentate da uomini avvolti da serpenti mentre cedono sotto i suoi colpi.

Nel suo insieme figurativo, l’opera sembrerebbe rimandare al periodo della prima restaurazione borbonica, seguita alla conquista del regno dopo la rivoluzione del 1799. I soggetti realizzati alludono tutti al riconquistato potere regio e alla ristabilita fede cattolica, riportando l’intero motivo dipinto alla gloria di Carlo di Borbone. Quest’ultima ipotesi è supportata dalla presenza di Ercole, divinità già cara ai Farnese, e dalla complessa struttura architettonica raffigurata sul fondo, le cui forme evocano quelle del Foro Carolino di Napoli sulla cui balaustra, non a caso, sono disposte le 26 sculture indicanti le virtù di Carlo III, già patriarca della dinastia napoletana.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6803 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Juvecaserta Academy. Al via il torneo per i ragazzi del 2004/5

Si svolgerà sui playground del Liceo Giannone di Caserta e su quello di via Grassi nella frazione Briano, ma anche sui campi all’aperto di Casagiove e San Marco Evangelista la

Primo piano

La città che vorrei, gli studenti scrivono la Caserta post-Covid

Claudio Sacco – L’associazione Gianluca Sgueglia, in qualità di capofila insieme al Comitato Cittadino “Caserta Young”, in partnership con l’assessorato alla Cultura della Città di Caserta, il Liceo Scientifico Diaz

Attualità

C’è del nuovo nei rifiuti, conferenza alla Canonica di Caserta

Pietro Battarra – “Innovazione tecnologica e trattamento dei rifiuti”. Questo il titolo della conferenza in programma per giovedì primo febbraio presso La Canonica in piazza Ruggiero a Caserta. Relatore sarà il

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply