Festambiente Terrafelix, a Teverolaccio eventi per i più piccoli

Festambiente Terrafelix, a Teverolaccio eventi per i più piccoli

Emanuele Ventriglia

-In occasione della XII edizione di Festambiente «Terrafelix» tornano gli appuntamenti per i più piccoli nel giardino del Principe del Casale di Teverolaccio. Due sono incontri, organizzati dalla compagnia «I Teatrini»: sabato 1 ottobre alle ore 16 andrà in scena «Il popolo del bosco», domenica alle ore 10,30 sarà la volta di «Pulcinella e il Mistero del Castello». Ci si potrà imbattere così in strani esseri, abitanti dei luoghi «verdi», disposti o meno a comunicare e a svelare segreti, raccontare affascinanti storie e, eventualmente, a dare consigli per superare difficoltà lungo il cammino. Lo spettacolo tenderà a coinvolgere attivamente i bambini che potranno interagire con i vari personaggi ispirati alle favole, ai miti e alle leggende popolari legate al bosco.

About author

emanuele ventriglia
emanuele ventriglia 167 posts

Emanuele Ventriglia - Musicista e cantautore, studia la chitarra e canta fin da bambino. Iscritto alla facoltà di Lettere Moderne dell'Università Vanvitelli, ama l’arte e la creatività in tutte le loro forme. Oltre al portare avanti il suo progetto musicale, ha avviato un percorso di formazione di Marketing e Comunicazione.

You might also like

Primo piano

Certosa e Museo di San Martino, attivo il ticket point on site

Claudio Sacco -Da oggi sarà nuovamente attivo alla Certosa e Museo di San Martino il ticket point on site per facilitare l’accesso e la visita al sito. Il nuovo servizio di biglietteria si aggiunge a quello di

Primo piano

Festival Organistico, rassegna d’agosto con la Jervolino

Claudio Sacco -Appuntamento questa sera alle 21 nella chiesa di San Rocco a Pietramelara il Festival Organistico. Ripartono così le attività concertistiche dell’associazione Anna Jervolino e dell’Orchestra da Camera di

Primo piano

Belvedere in musica con il Concorso Internazionale Leopoldo Mugnone

“In un momento così critico per la nostra Città sono davvero commossa di un riconoscimento prestigioso come il patrocinio dell’Unesco. Questo è un motivo in più per continuare, seppure con