Filiera dell’innovazione. Un convegno al Belvedere con i protagonisti dello sviluppo

Filiera dell’innovazione. Un convegno al Belvedere con i protagonisti dello sviluppo

“Innovazione e nuove imprese. Come migliorare la competitività delle PMI”. Sarà questo il tema del convegno organizzato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta e da 012 Factory, il Contamination Center for Innovative Enterprises, per giovedì 30 giugno. L’iniziativa promossa dalla Commissione consulenza direzionale e finanziaria dell’Ordine si terrà nella sala convegni del Belvedere di San Leucio dalle ore 15 alle 19. La manifestazione sarà introdotta dagli indirizzi di saluto del presidente dell’Ordine Pietro Raucci, del consigliere delegato Commissione consulenza direzionale e finanziaria dell’Ordine Michele Buonanno e dal presidente della stessa Commissione Angelica Iadevaia. Interverranno Sebastian Caputo, fouder e CEO 012 Factory, Maria Raffa, presidente Start Cup Campania, Domenico Soriano, responsabile sud Digital Magics, Antonio Furno project manager STMicroeletronics, Paolo Marzario, Italia Startup, Claudio Anastasio, fouder & President tNotice, Vincenzo Villani, responsabile economia digitale Banca Sella, Armando Ferrigno, CFO Emoticron. Le conclusioni sono affidate all’europarlamentare Nicola Caputo e all’assessore regionale con delega all’internazionalizzazione, startup e innovazione Valeria Fascione.

Per il consigliere dell’Ordine Buonanno: “L’innovazione si presenta sempre più spesso quale elemento centrale per il miglioramento della competitività delle PMI, essenziale per la loro stessa sopravvivenza prima ancora che per il loro sviluppo nell’attuale scenario competitivo caratterizzato da crescente fluidità di cambiamento. In un contesto globalizzato, ciò vale in modo forte per il sistema-impresa casertano chiamato ad affrontare in modo efficace le sfide attuali e future del mercato”. Per il Fondatore e CEO 012Factory Sebastian Caputo: “Lo scopo del convegno è quello di mettere in risalto un problema cruciale: le startup non riescono ancora a dialogare e a trovare gli strumenti adatti per integrarsi con le PMI. Lo abbiamo riscontrato – continua Caputo – con la nostra Academy e lo riscontriamo nel sistema paese, al cui interno esistono eccellenze ma manca la cultura e la mentalità adatta per fare la differenza nei mercati internazionali. Il convegno servirà per fare chiarezza su questo aspetto e ci auguriamo che possa essere uno spunto di riflessione utile per la filiera dell’innovazione”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9576 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Chiesa di San Pietro, l’arte contemporanea dentro il Medioevo

Maria Beatrice Crisci – Incarnati. L’immaginario dentro la storia. È il titolo della collettiva inaugurata nella chiesa di San Pietro Apostolo in Aldifreda a Caserta. A curarla Michelangelo Giovinale. Il

Cultura

Parkour. Una parola al mese. Rubrica a cura della Parthenope

(Francesca Brancaccio) – Grattacieli che si ergono imponenti, panchine, palazzi, muretti, ringhiere, cancelli, pareti: per i traceurs, gli atleti che praticano il parkour, rappresentano una sfida continua, il desiderio costante