“Follia” e innovazione, le foto di Helmut Newton al PAN

“Follia” e innovazione, le foto di Helmut Newton al PAN

(Mario Caldara) – Napoli come casa delle idee, della creatività, dell’arte. La città allarga le braccia e, ancora una volta, accoglie un maestro. Il PAN, il Palazzo delle Arti di Napoli, dal 25 febbraio al 18 giugno, stende il tappeto rosso per l’ennesimo grande ospite, il fotografo Helmut Newton.

Anche se non sarà presente in carne e ossa, il maestro è scomparso nel 2004, ci sarà la sua anima. A fare le veci di Newton, infatti, sarà l’eredità che ha lasciato, quell’immenso bagaglio culturale, espressione della sua arte. In altre parole, le sue creazioni. “Helmut Newton. Fotografie. White Women/Sleepless Nights/Big Nudes” è il nome del progetto realizzato dalla vedova Newton, June, oltretutto presidente della Helmut Newton Foundation, e promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.

Tedesco e naturalizzato australiano, Helmut Newton si è guadagnato la fama di uno dei fotografi più imponenti nella storia del settore, senza dimenticare che aveva ormai appiccicato l’appellativo di grande provocatore. Questa è la sua arte, provocazione per molti, verità per altri. Al centro, i suoi studi sul nudo femminile. La mostra, nata nel 2011 per volontà della moglie, si divide in tre sezioni, dedicate a più di duecento immagini raccolte nei primi tre libri di Newton, pubblicati tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta.

La prima sezione, “White Women”, si riferisce al primo volume monografico di Newton, pubblicato nel 1976, che ha segnato la storia della fotografia. Non solo ricevette il prestigioso Kodak Photo Book Award, ma sancì l’esordio assoluto nel mondo della moda, dell’erotismo e del nudo.

“Sleepless Nights”, la seconda sezione, che risale al 1978, ha sì la nudità come nucleo dei lavori, ma cambia le carte in tavola, estendendo la moda oltre i confini della fotografia, ai ritratti, a reportage di scene del crimine.

Infine, è la volta del 1981, anno in cui “Big Nudes”, cui è dedicata la terza sezione, punta i piedi e si guadagna, a suon di spallate, per forza e per impatto, una posizione di primo piano nell’immaginario collettivo.

Newton acquisì così lo status di simbolo della fotografia del Novecento, attraverso i nudi a figura intera, una rivoluzione per l’epoca, una coraggiosa provocazione. E, in fin dei conti, nella vita e nell’arte, ci vuole coraggio. Quel coraggio di mostrarsi, di esternare agli altri la propria visione delle cose, senza timore di non essere apprezzati per quel che si è davvero. Newton lo sapeva, ne era pienamente cosciente, i suoi studi sulle nudità femminili lo dimostrano. Egli non era solo un maestro della fotografia. Insegna ancora oggi, anche se non più in vita e questo testimonia la sua grandezza, princìpi basilari di vita: affinché nasca una nuova arte, un’innovazione, qualcosa di autentico, non bisogna aver paura di osare.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Caserta, magica notte live al Cluricaun con i Queen of Bulsara

Enzo Battarra – Perché Bulsara? Perché era questo il vero cognome di Freddie Mercury. Nascono così i Queen of Bulsara. Nello spettacolo ogni membro dell’ensemble impersona fedelmente uno dei quattro Queen con

Primo piano

Da Pinocchio a Masterchef. Riflessioni fuori dal calice con Antonio Pascale

Redazione – Continuano gli appuntamenti di “Riflessioni fuori dal calice”, un’ampia rassegna di incontri, a cura di Antonia Golino, in cui il vino sarà sempre protagonista, ma fuori dal bicchiere,

Stile

Swap Elite, nasce così la startup per lo scambio dei vestiti

(Enzo Battarra) – San Valentino bussa alla porta? Basta aprire e la consegna del vestito avviene. Con Swap Élite è facile concedersi un regalo. È la startup allevata nell’academy di 012Factory,