Forse una farsa, Tato Russo è al Nuovo Teatro Sancarluccio

Forse una farsa, Tato Russo è al Nuovo Teatro Sancarluccio

-Sarà il Nuovo Teatro Sancarluccio, storica sala partenopea, a ospitare, sabato 29 gennaio alle ore 21 (repliche fino a domenica 6 febbraio) il debutto di «Forse una farsa» divertimento in due atti di Tato Russo. In scena Mario Brancaccio, Sergio Del Prete e Riccardo Citro, che firma anche la regia dello spettacolo. Presentato da TTR Il Teatro di Tato Russo l’allestimento si avvale delle scene a cura di Peppe Zarbo, i costumi di Federica Del Gaudio, le musiche di Zeno Craig. Commissionato, alla sua prima assoluta, dal Festival di Ferento, Forse una farsa è un testo storico del primo Tato Russo, che racconta in maniera tragicamente scherzosa la storia di tre attori molto diversi tra loro alle prese con la crisi del teatro di prosa.

Pur avendo idee contrastanti sulla visione del teatro, costituiscono una compagnia teatrale e mettono in scena la farsa Il Casino di Campagna di Kotzebue, ricorrendo a una comicità mirata al divertimento e che, attraverso screzi, scherzi, travestimenti, tensioni e dialoghi surreali, rivela un’immagine impoverita della società attuale. “Quando Tato Russo ha deciso di affidarmi questo testo – così le parole del regista – ero a dir poco entusiasta di poterlo mettere in scena in un periodo storico come questo. Man mano che leggevo il testo mi stupivo di quanto fosse un “meccanismo perfetto”, attualissimo e adatto a tutti, intrigante e provocatorio”.  Forse una farsa evidenzia con fare burlesco le dinamiche e le diversità dei tre attori, che per sopravvivere alla crisi costituiscono con difficoltà una compagnia teatrale, mescolando la poesia con la farsa e anticipando il concetto della comicità attuale, spesso proposta al grande pubblico con tormentoni e battute prive di contenuto, solo per strappare la risata facile.  Questo concetto smuove sia la storia sia l’idea di messinscena, che se da un lato mantiene i canoni della farsa, dall’altra mostra quanto, purtroppo, sia depauperata la società odierna, completamente svuotata dai sentimenti e in balìa di una continua incertezza sul fare o non fare, sul dire o non dire. A quarant’anni dalla sua prima messinscena, Forse una farsa ritrova tutta la sua amara attualità, e ben ritrae la difficile stagione del teatro ai giorni nostri. Ogni parola è un’infernale “tarantella” di suoni e voci che assomigliano a un atto d’amore e una maledizione al tempo stesso. Le risate si mescolano al mondo di delusioni per la sorte di ogni teatrante, che, sovente, per ragioni di sopravvivenza è costretto a reinventarsi.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8272 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Una lirica per l’anima. C’è il bando, ecco come partecipare

Pietro Battarra – E’ giunto alla terza edizione il concorso nazionale di poesia: Una Lirica per l’Anima. A presentare l’iniziativa l’Associazione Pro Loco Caiazzo “Nino Marcuccio” e l’Associazione “Termopili d’Italia”.

Primo piano 0 Comments

Cup e Ordini. Nasce il Nucleo Centrale di monitoraggio sull’equo compenso

Maria Beatrice Crisci -Gli Ordini ed i Collegi professionali della Provincia di Caserta, coordinati dal CUP Caserta, di cui è presidente il notaio Alessandro De Donato, hanno costituito un “Nucleo

Primo piano 0 Comments

Policentrismo dell’arte, chiusura con lo chef Alfonso Crisci

Claudio Sacco – Si è conclusa con una cena di gala firmata dallo chef Alfonso Crisci la mostra di arte moderna “Policentrismo dell’arte” svoltasi a Cimitile. Il gala ambientato tra

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply