Gustose evasioni. Una gara di cucina tra le mura di Poggioreale

Gustose evasioni. Una gara di cucina tra le mura di Poggioreale

(Redazione) – Una gara di cucina al carcere di Poggioreale. E’ l’evento “Gustose Evasioni” che si è svolto in questi giorni che, ha visto sfidarsi tra fornelli e pietanze i detenuti del padiglione Firenze. Sono state formate delle semisezioni composte da 6 sfidanti: 3 cuochi e 3 aiuto cuochi. I detenuti hanno elaborato da soli il menù, comprando i generi alimentari all’interno del penitenziario, cucinando nelle loro celle, con le difficoltà del caso, alle prese con un solo fornello, ma creatività e fantasia non sono comunque mancate. I loro piatti sono stati giudicati da una giuria composta dal Direttore del carcere Antonio Fullone, dal comandante della polizia penitenziaria Gaetano Giglio, dal presidente dell’associazione “La Mansarda” Samuele Ciambriello, dalla Garante dei detenuti Adriana Tocco, e da Oscar Leonessa, titolare del pastificio “Leonessa”. La commissione ha dato voti ai primi, ai secondi e ai dessert valutando la “creatività e originalità della ricetta”, la “presentazione del piatto” e l’ “appetibilità”. La brigata gialla con gli chef Vincenzo Conforti , Francesco De Matteo e Vincenzo Fabbricini, ha avuto la meglio vincendo con il menu: scialatielli al pesto, vongole e patate, roast beef e cannoli siciliani. Alla squadra vincitrice è stata concessa la possibilità di un colloquio familiare nell’area verde di durata maggiore all’ordinario ed è stata data l’opportunità di pranzare insieme ai familiari . Secondo posto per la brigata azzurra che si è aggiudicata una chiamata ad un familiare. Un plauso per la promozione dell’iniziativa va alla Direttrice di reparto Gabriella Niccoli, e all’educatrice Federica Tondo. Assegnato anche un premio speciale della “critica” ad una brigata che si è distinta per aver cucinato un menu caratteristico napoletano con pizze fritte, tortano e altre ricette tradizionali. A Ferragosto il Direttore del carcere ha dato la possibilità di un pranzo collettivo nelle rispettive sezioni. «Sono queste iniziative che fanno andare oltre le mura dell’indifferenza. In fondo- come dice il Presidente dell’associazione “La Mansarda” Ciambriello- al detenuto va tolto il diritto alla libertà, ma non alla dignità, agli spazi, alla socialità e alle relazioni. Attraverso queste iniziative, come quella della lettura dei libri, della filmterapia, e del corso di pittura, fatto nello stesso padiglione, aiutiamo queste persone anche a “ ritorvarsi” e “ripartire».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7142 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

La sedia, Maria Giovanna Petrillo traduce il libro di Toussaint

Pietro Battarra -In libreria da qualche giorno La sedia, l’ultima opera “pararomanzesca” di Jean-Philippe Toussaint tradotta da Maria Giovanna Petrillo, che ne cura anche le note critiche e la postfazione,

Primo piano

Festa per il Casavecchia, il filo rosso che unisce i Borghi DiVini

Maria Beatrice Crisci -È stato presentato presso l’Enoteca Provinciale “Vigna Felix” di Caserta il progetto “Festa del Casavecchia – Borghi DiVini”. Appuntamento dal 28 agosto al 13 settembre 2020. La

Primo piano

Giacomo Leopardi, l’amor di patria secondo Corrado Augias

Maria Beatrice Crisci – La stagione teatrale al  Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta è ormai quasi al termine.  Venerdì 20 aprile alle ore 20,45 con “O patria mia… Leopardi e

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply