Il Belvedere come centro di sviluppo dell’arte serica

Il Belvedere come centro di sviluppo dell’arte serica

(Luigi D’Ambra) – Arriva per il Belvedere, ma soprattutto per la tradizione serica una bella notizia. Infatti, sarà siglato il prossimo 26 gennaio il protocollo d’intesa tra il Comune di Caserta, il Dipartimento di Ingegneria Civile, Design, Edilizia e Ambiente “Dicdea” dell’Università “Luigi Vanvitelli”, la Camera di Commercio, la Confindustria e la Rete San Leucio “Textile”, che ha come obiettivo la creazione di un Centro di Cultura e di sviluppo dell’arte serica e che avrà sede all’interno del complesso monumentale del Belvedere di San Leucio. L’obiettivo dichiarato è quello di rilanciare l’antica tradizione della produzione serica, puntando a restaurare e recuperare gli antichi telai, i torcitoi e tutti le attrezzature necessarie alla ripresa di un’attività che costituisce uno straordinario patrimonio custodito dalla tradizione di San Leucio. Attraverso il rilancio della strumentazione e delle tecniche, che saranno trasferite ai più giovani mediante degli appositi ed accurati corsi di formazione, si intende rafforzare anche la vocazione turistica dello splendido sito del Belvedere di San Leucio, patrimonio dell’Unesco e interamente di proprietà comunale.

Nella nota si legge: “L’idea è quella di creare una nuova colonia serica, un’autentica cittadella della seta che possa riproporre lo schema della “Città Utopica di Ferdinando IV Re di Borbone”, che fece della Fabbrica Reale un’industria al servizio della collettività. Per fare tutto ciò, si darà vita al recupero di alcune professionalità esperte nel settore e nella produzione serica, che saranno in grado di trasferire il know how alle nuove generazioni mediante corsi di formazione e attività di “affiancamento” sul campo. Un altro progetto, poi, riguarda la realizzazione di una vera e propria summer school, che riproponga San Leucio come polo di eccellenza mondiale nell’attività serica. Altro passo importante, che sarà una conseguenza diretta della collaborazione tra i vari attori protagonisti del protocollo d’intesa, dovrà essere quello della creazione di un marchio per salvaguardare e rilanciare in maniera organica la produzione di prodotti in seta”.

“Per noi il Belvedere di San Leucio – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – è una straordinaria risorsa sotto il profilo culturale e deve costituire uno dei principali motori dell’attività turistica della nostra città. L’intenzione è quella di concentrare in questo bene Unesco tante occasioni che favoriscano la promozione della cultura, della tradizione e delle produzioni di qualità. Proprio per questa ragione abbiamo deciso di creare all’interno del Belvedere il Centro di Cultura e di sviluppo dell’arte serica, coinvolgendo l’Università, che quindi torna nella struttura per rilanciare un’eccellenza come la seta, la Camera di Commercio, la Confindustria e la Rete ‘San Leucio Textile’. Sono certo che, recuperando gli antichi telai, le professionalità e trasferendo ai giovani l’arte della produzione serica, le ricadute per lo sviluppo economico e turistico di Caserta saranno eccezionali”.

Intanto, ottimi sono i dati relativi agli incrementi fatti registrare dal Belvedere. Il complesso monumentale di San Leucio. Infatti, nel 2016 il Belvedere ha visto un aumento di oltre il 30% dei visitatori paganti rispetto all’anno precedente. “È un segnale molto incoraggiante – ha spiegato il sindaco Marino – e che ci fa capire una volta di più le grandi potenzialità che ha il Belvedere. Dobbiamo puntare con decisione al rilancio della struttura, con iniziative in grado di abbinare la qualità ad un forte richiamo turistico”.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale 0 Comments

Notte di San Lorenzo, è il cielo che piange lacrime di desideri

Augusto Ferraiuolo  – La prima cosa a cui pensiamo nel parlare di San Lorenzo non è la sua agiografia o rituali eventualmente connessi alla sua figura. Pensiamo alla notte, e

Primo piano 0 Comments

Il Corruttore, dopo Caserta al via il tour di presentazioni

Maria Beatrice Crisci – Dopo la prima presentazione a Caserta alla Biblioteca Diocesana, il romanzo Il Corruttore di Alberto Di Nardi arriva a Santa Maria Capua Vetere. L’appuntamento è per sabato

Attualità 0 Comments

Le Buone Notizie, Caserta premia l’informazione in positivo

Maria Beatrice Crisci – “Siamo in un momento epocale per quanto riguarda l’informazione. L’accorato appello fatto dal vescovo in mattinata nel corso della messa in Cappella per i giornalisti è

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply