Il pane della Pasqua, la forma è a cuore

Il pane della Pasqua, la forma è a cuore

-La nostra Regione è conosciutissima per una cultura del pane a livello di eccellenza, tanto che se ne approvvigionano venendo anche da molto lontano. Tutto questo perché nella maggior parte delle case si ha la presenza del forno a legna, che veniva utilizzato senza alcun limite, oltre a rappresentare un’autonomia proveniente dal possesso che la terra donava a chi andava a braccetto con ogni tipo di fatica agreste. Tra le tradizioni enogastronomiche presenti nel periodo delle celebrazioni della Pasqua esiste e resiste ancora quella di confezionare del pane con una forma a croce, propria a ricordare quella vera. Le persone più anziane ricordano che tempo a dietro veniva, questo pane, conservato gelosamente dalle donne di casa per poi essere distribuito dal capofamiglia a tutti i componenti proprio durante il giorno di Pasqua, la tradizione dice che questo pane deve essere spezzato solo ed esclusivamente con le mani per poi elevare una preghiera di ringraziamento tutto insieme.

Questa tradizione proveniente dal passato viene ancora oggi praticata da molte famiglie. Nel punto centrale dell’incrocio viene posizionato un uovo, esclusivamente sodo, che è simbolo della vita che nasce attraverso un uovo. Nell’impasto troviamo la sugna oltre agli aromi ed al condimento di rito.

LA CROCE – Per ogni cristiano il simbolo della croce rappresenta l’invisibile fardello che ognuno si porta addosso che è analogia della croce portata dal Cristo lungo la via fino ad esservi immolato sopra.

Articolo di Serena Cataletti, Carolina Pastore, Carmela Russo, Teresa Rispoli

About author

You might also like

Comunicare il Territorio 0 Comments

La colomba pasquale, il dolce tradizionale simbolo della festa

-Le origini della colomba di Pasqua risalgono all’epoca longobarda. Secondo la leggenda il primo a creare questo dolce fu San Colombano, un celebre monaco irlandese che fu invitato dai sovrani per

Comunicare il Territorio 0 Comments

Casatiello, la tradizione sulla tavola delle feste pasquali

-In occasione delle festività pasquali, sulle tavole campane non può mancare il Casatiello.  Le origini di questo rustico  risalgono al periodo in cui Napoli era prima greca e più romana,

Comunicare il Territorio 0 Comments

Ti ci porto io! L’abbazia di Sant’Angelo in Formis 

-La chiesa di Sant’Angelo in Formis è dedicata a San Michele Arcangelo, sorge lungo il declivio occidentale del monte Tifata. L’interpretazione etimologica della nuova denominazione è controversa: da una parte

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply