Innocenti evasioni, il mercoledì i detenuti parlano di legalità

Innocenti evasioni, il mercoledì i detenuti parlano di legalità

Samuele Ciambriello (garante delle persone private della libertà personale)

– Mercoledì 6 febbraio, alle ore 13.30, presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, nell’ambito del progetto “I mercoledì d’evasione” che vede la presenza dei volontari dell’Associazione La Mansarda impegnati in attività progettuali per i detenuti, si terrà un incontro sul tema: “Legalità, responsabilità e giustizia riparativa”, a cui parteciperanno detenuti di diversi reparti del carcere. Parteciperanno: Franco Roberti, Assessore Regionale alla sicurezza, politiche integrate di sicurezza e legalità; Marco Puglia, Magistrato di Sorveglianza.  Quindi, Bruno Vallefuoco, Susy Cimminiello e Carmela Sermino, tre testimonianze di familiari delle vittime innocenti della criminalità organizzata, che ad oggi sono 358 in Campania.

Il tutto avverrà alla presenza dei volontari dell’associazione La Mansarda, impegnati in attività progettuali per i detenuti. Come Presidente dell’Associazione “La Mansarda” e recentemente come Garante delle persone private della libertà personale, i familiari delle vittime innocenti della criminalità organizzata, a portare la loro testimonianza negli istituti penitenziari; rendendo possibile un incontro tra vittime e carnefici, un modo per parlare di giustizia riparativa e non un incontro di falso buonismo, un’opportunità per metabolizzare il dolore, il lutto e anche per stigmatizzare “la mala-vita” che non è una madre premurosa o una madre severa.

Le occasioni come queste del Carcere di Santa Maria Capua Vetere, sono opportunità di intercessione, di spazi protetti, luoghi di incontro, non per il perdono giudiziale ma un’opportunità, anche, per effettuare una mediazione, tra carnefici e i familiari delle vittime innocenti della criminalità.
La mala-vita, si mostra sempre più nella nostra regione con una evoluzione allarmante, soprattutto a causa della sua manifestazione in forme nuove e diverse rispetto a quelle, per così dire fisiologiche o, almeno, tradizionali, caratterizzate purtroppo sia dalla usuale occasionalità, sia dalla leggerezza del tasso di violenza accentuato e completamente sproporzionato rispetto al movente dell’azione criminale. Insomma si spara e si agisce nel mucchio, avendo moventi assai futili o addirittura assente.
E’ indubbio che si debba intervenire di prevenzione, soprattutto sugli adolescenti a rischio.
È indubbio che vadano controllate le intere aree metropolitane e le periferie.
E indubbio che si debba intervenire sulla dispersione scolastica, essendo statisticamente acquisita l’evidenza di una relazione in qualche modo proporzionale tra evasione scolastica e criminalità giovanile.
Occorrono modifiche normative e burocratiche sullo status dei familiari delle vittime innocenti, interventi anche per i figli delle vittime.
E ancora, valorizzare e proteggere le assenze, sapendo che nelle prime ore e nei giorni subito successivi ad un fatto “di sangue” che vede coinvolti innocenti, si tenta di trovare una motivazione, un perché, individuando negli innocenti, personaggi collegati alla criminalità o cercando elementi ambigui nella vita personale. In questo modo, con la calunnia, si uccide due volte la vittima innocente.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6654 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Donato Cutolo, in libreria il suo nuovo lavoro

Pietro Battarra – “Occhi chiusi spalle al mare” è il nuovo lavoro di Donato Cutolo. Il libro Edizioni Spartaco sarà in libreria da giovedì 26 ottobre. Si tratta di una

Primo piano

Caserta, la pasta regina della tavola al bistrot Pane e Acqua

Maria Beatrice Crisci –  Viva la pasta! Come non ricordare lo straordinario inno alla pasta del grande Totò nel film “Miseria e nobiltà”. La scena è rimasta nella memoria collettiva ed

Primo piano

A Marcianise una Napoli da vedere con gli occhi di Caravaggio

Claudio Sacco  – Pieno fino all’inverosimile il Monte dei Pegni di Marcianise per la presentazione del libro di Francesco de Core e Sergio Siano “Con gli occhi di Caravaggio“, per

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply