La Caserta che non dimentica, manifestazione a San Clemente

La Caserta che non dimentica, manifestazione a San Clemente

Maria Beatrice Crisci

-San Clemente non dimentica. Così ieri la cerimonia di commemorazione dell’80esimo anniversario della strage nazista. Era il 4 ottobre del 1943, quando la furia dei soldati tedeschi si abbatteva sulla comunità di San Clemente di Caserta: venne minato e fatto saltare un palazzo per ostacolare l’avanzata anglo- americana e gli abitanti non furono evacuati, come di solito avveniva. Morirono nel crollo venticinque persone tra cui sette donne e undici bambini. Qualche giorno prima il ritrovamento di un soldato tedesco ammazzato aveva provocato la strage di Garzano e successivamente l’arresto di diversi casertani poi trucidati a Ruviano.


Per ricordare quei tragici fatti il Comitato dei tradizionali festeggiamenti in onore di S. Maria a Macerata, patrona della parrocchia di San Clemente, ha voluto organizzare, una commemorazione che ha visto la partecipazione dell’assessore alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Caserta Enzo Battarra. Quindi, la Fanfara dei Bersaglieri della Brigata “Garibaldi” di Caserta.
L’appuntamento nella piazza del paese accanto al monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale e a Peppino Rossi che fu tra i martiri di Ruviano. Quindi, presso il monumento di via Galatina dove si trova la lapide dei caduti della Seconda Guerra Mondiale e delle venticinque vittime della strage nazista. Qui è stato scoperto un qr code inquadrando il quale si viene rimandati ad un sito con tutte le notizie ed alcuni racconti.
La serata si è conclusa in via Campanella con una breve rievocazione degli avvenimenti a
cura del professore Felice Corvese, che è stato consulente della Procura militare di Napoli nel processo
per quei fatti, e con un concerto della Fanfara dei Bersaglieri.
“La commemorazione – hanno sottolineato gli organizzatori – nasce dalla volontà di evitare che il ricordo si perda, soprattutto tra i giovani, e per dire no alla guerra, a tutte le guerre. Abbiamo scelto di
ricordare questi avvenimenti durante la tradizionale festa patronale anche come momento di
riflessione sulla storia della nostra comunità, perché possa diventare memoria condivisa”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9770 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Sezione cameristica dell’Autunno Musicale, il via a Maddaloni

Claudio Sacco – Sabato 2 ottobre alle 19.30 e domenica 3 alle 11.30, presso il Museo Archeologico di Calatia di Maddaloni, avrà inizio la sezione cameristica dell’Autunno Musicale 2021, il cui programma è d’imminente diffusione,

Primo piano

Caserta a Rio con i suoi pugili. Ma anche con un quadro

(Redazione) – C’è anche Caserta alle Olimpiadi di Rio. E c’è con i suoi campioni, ma anche con i suoi tesori. Ancora una volta saranno i pugili a rappresentare lo

Editoriale

2 giugno, Festa della Repubblica. Il profumo della democrazia

Maria Beatrice Crisci – Era la res publica, il supremo interesse collettivo. Dal 1946 è la Repubblica Italiana, nata con il primo voto delle donne. Questa signora dalle vigorose origini ha oggi