La cucina napoletana vista da Luciano Pignataro

La cucina napoletana vista da Luciano Pignataro

(Claudio Sacco) – “La cucina napoletana”, Hoepli Editore è il libro del giornalista del Mattino Luciano Pignataro presentato ieri al Ristorante Le Colonne di Caserta. L’incontro ha visto la presenza accanto all’autore del presidente del Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana Dop Domenico Raimondo, del direttore dell’Istituto zooprofilattico di Portici Antonio Limone e del maestro pizzaiolo Franco Pepe. A moderare la tavola rotonda il giornalista del Mattino Lorenzo Iuliano. “E’ questo un libro – ha dichiarato Pignataro a Ondawebtv – che fotografa questa grande tradizione che noi abbiamo e che è veramente importante”. La cucina napoletana attinge qualcosa anche dal casertano? “Napoli può essere rappresentata come un grande polpo. La testa è Napoli e i tentacoli stanno un po’ in tutto il Sud. E’ chiaro che la componente napoletana e rurale trae origine dalle campagne del Sud  e, soprattutto, da terra di lavoro”.  Per Franco Pepe: “La Pizza è sicuramente l’interpretazione dei sapori della cucina napoletana”. Per Domenico Raimondo: “Dobbiamo avere il coraggio di riscattare una volta per tutte il Mezzogiorno, che continuamente è sotto attacco mediatico”. “Il nostro territorio – ha evidenziato Antonio Limone – ha una grandissima biodiversità che è un valore per questa terra. Su questo potremmo costruire grandi fortune per i giovani che vogliono investire sull’agricoltura di grande qualità”. Ad aprire l’incontro l’intervento di Rosanna Marziale che ha sottolineato: “La cucina campana si differenzia nelle varie province, così Caserta da Marcianise. La Campania ci offre la possibilità di avere lo stesso piatto tradizionale, ma rivisto con piccole modifiche. Da qui anche la curiosità di assaggiare tutto. Il libro di Luciano è come un vangelo. Si può davvero regalare a tutte quelle persone che sono appassionate della cucina campana, ma poi di quella italiana perché è lo specchio di ciò che l’Italia vuole mangiare”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9736 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

La frittata di scammaro, il piatto del mercoledì delle Ceneri

Claudio Sacco -La frittata di scammaro è un piatto povero tipico della tradizione napoletana e, in particolare, del mercoledì delle Ceneri. Giorno questo in cui la Chiesa prescrive il digiuno e l’astinenza

Primo piano

Piccolo Cts, va in scena la band Cappuccio Collective Smooth

(Comunicato stampa) -Tornano i “Giovediamoci” al Piccolo Teatro Cts di Caserta, infatti per giovedì 4 Gennaio alle ore 20:30, in prova d’autore, ci sarà la band CAPPUCCIO COLLECTIVE SMOOTH. Mimmo

Cultura

Gli attori di “Ferdinando” ospiti de Il Salotto a Teatro

Claudio Sacco – E’ per domani martedì 2 aprile alle ore 18 al Teatro Comunale di Caserta nuovo appuntamento del ciclo “Il Salotto a Teatro”, incontri tra i protagonisti della