La menzogna. I diversi tipi di bugie come riconoscerli

La menzogna. I diversi tipi di bugie come riconoscerli

Tiziana Barrella (parte terza)

-Per far si che la comunicazione umana possa essere efficace e quindi riuscire a trasmettere  messaggio correttamente dall’emittente al destinatario, è indispensabile che ci sia coerenza tra parole e comunicazione non verbale. Il tono di voce non adeguato rispetto a ciò che si sta dicendo, un’espressione mimica del volto discrepante rispetto alle parole emesse, un gesto attivato con una tempistica non perfettamente in sincronia con quanto stiamo affermando ed ancora particolari segnali indicatori di un  evidente disagio: tutto ciò può indurre il nostro interlocutore ad avere qualche perplessità circa il nostro racconto!

Nel processo di ricostruzione delle intenzioni dell’emittente infatti, il ricevente, viene messo in allerta dall’incoerenza di due sistemi comunicativi diversi: quello verbale e ovviamente, quello non verbale. La “falla” della nostra comunicazione è da ricercarsi nel fatto che è davvero complesso  controllare simultaneamente due processi comunicativi, sostiene Paul Ekman (1934) psicologo americano. Ekman, che ha dedicato molta parte dei suoi studi alle emozioni umane e a come queste si manifestano sul viso in egual modo in ogni parte del mondo, è un vero pioniere della materia ed ha approfondito lo studio della menzogna, offrendo utili definizioni che sono senz’altro di aiuto per far comprendere meglio l’argomento.

Menzogne altruistiche: dette per proteggere o aumentare le risorse psicologiche del destinatario, per tutelare i suoi interessi e la sua immagine personale, per evitargli una situazione di imbarazzo e per incrementare le sue emozioni positive.

Menzogne egoistiche: messe in atto per proteggere in modo egoistico i propri  interessi come ad esempio per evitare rimproveri e punizioni, critiche imbarazzanti, disprezzo e disapprovazione o evitare di perdere la faccia e la dignità. Menzogne egoistiche per ottenere un vantaggio per sé e il proprio gruppo a danno di altri.

Menzogne premeditate: sono minuziosamente studiate e volte ad ingannare l’altro. Chi inganna elabora possibili risposte accettabili a fronte di un’eventuale approfondimento operato dal destinatario. Si tratta di menzogne ben elaborate e volte a voler far credere esattamente ciò che si afferma. Pensiamo ad esempio a colui che si dichiara testimone di un dato accadimento che ha  necessità di costruirsi un alibi o, più semplicemente, di tutelare la propria immagine, onore, dignità. Menzogne non premeditate: rappresentano una modalità  di comunicazione volta a distorcere la realtà ma a differenza delle prime, sono  improvvisate ed elaborate al momento.

Ma sono anche considerate dagli studiosi della materia menzogne  il  mascherare volutamente  la propria emozione per confondere o bleffare, come ad esempio nei giochi di carte; esagerare riguardo alla rappresentazione della realtà per qualunque intento o comunicare dei fatti in modo umoristico in modo tale da sviare i sospetti riguardo a qualcosa che in realtà non si vuole far sapere; risposte evasive che suggeriscono una conclusione sbagliata; ammettere solo parte della verità in modo da distogliere l’attenzione del nostro interlocutore, anche questi comportamenti sono considerati mentire! 

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 34 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Attualità 0 Comments

Sisma, Giusy Ferreri dona un abito made in Caserta

(Beatrice Crisci) – È un abito dello stilista casertano Michele del Prete quello che la nota cantante Giusy Ferreri ha deciso di donare a Charity Stars per la raccolta fondi

Moda. Come mi vesto oggi?

(Redazione) – Vuoi essere protagonista anche tu dello spazio moda di Ondawebtv? Sei un’azienda o titolare di un esercizio commerciale. Contattaci info@ondawebtv.com

D’Addio, talento del fashion design. Sta scritto su Vogue!

(Beatrice Crisci) – “Veramente sta scritto su Vogue” è un film realizzato nel 1984 da Attilio Del Giudice, un protagonista assoluto della cultura all’ombra della Reggia. Quel titolo diventa oggi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply