L’arte sperimentale si fa largo con MontesantoArte

L’arte sperimentale si fa largo con MontesantoArte

Mario Caldara

– L’arte è una delle componenti più belle che appartengono al genere umano. È definibile come la summa di tutte le bellezze umane, partorite dall’intelletto e dall’animo. In quanto tale, l’arte ha bisogno di essere supportata da basi solide, da progetti e dal coraggio, spesso messo da parte per essere indirizzato verso lidi ritenuti più sicuri dalla società odierna. Montesantoarte, però, si pone tra quei progetti che vogliono segnare un cambio di tendenza, che non ci stanno a vedere l’arte relegata a ultima ruota del carro e, quindi, bistrattata, come fosse un’astrattezza che non porti alcuna utilità alla vita. Promosso dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, Montesantoarte si articola in sei mesi per quattro residenze d’artista al Q.I.-Quartiere Intelligente. Mariangela Bruno, Francesca Borrelli, Elena Mazzi, Valentina Miorandi sono le quattro giovani artiste italiane protagoniste, insieme al loro talento, di questo il primo programma di residenza d’artista che va da settembre 2017 a marzo 2018. Gli spazi del Quartiere Intelligente (una piattaforma multi-progetto di rigenerazione urbana fondata nel 2013 nel centro storico di Napoli lungo le scale monumentali di Montesanto) diventano così terreni fertili per contaminazioni artistiche e intellettuali e per il confronto diretto con artisti e professionisti del settore culturale. Il cuore pulsante del progetto è la sperimentazione con una costante ricerca sul rapporto tra natura e cultura attraverso differenti linguaggi, quali arti visive (video o performance), architettura, design, gardening e autocostruzione. Il fine di tale ricerca è la creazione di collegamenti tra le discipline e, così facendo, generare contaminazioni tra esse. Vi è così una sorta di arricchimento di tutti gli aspetti che compongono il favoloso mondo dell’arte, che, entrando in contatto con la comunità di riferimento, hanno la capacità di produrre buone pratiche di vivere civile, sperimentazioni artistiche esportabili e replicabili anche in altri contesti. Durante le residenze è in programma la promozione delle attività svolte dalle artiste sul territorio, che avverrà attraverso incontri pubblici e workshop. Al termine del progetto, a marzo 2018, il pubblico potrà assistere alla presentazione delle opere sviluppate e prodotte nel corso dei sei mesi di residenza. Sperimentazione e promozione sono aspetti necessari affinché l’arte del nostro tempo possa rilanciarsi, trovando il giusto incoraggiamento e il palcoscenico più adatto. Montesantoarte è questo: crede negli artisti, li sostiene, fa in modo che possano esprimersi. E, in fondo, questo è tutto, affinché si possano partorire perle d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9685 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Giovanni Tariello, una vita tutta a colori

(Redazione) – “Giovanni Tariello è una figura fondamentale per la comprensione dei movimenti e delle tensioni artistiche degli anni Settanta. E da allora è protagonista della scena artistica casertana con

Primo piano

Messaggi in bottiglia, in scena il laboratorio di Civico 14

Venerdì 16 dicembre, alle ore 20, la compagnia Mutamenti/Teatro Civico 14 di Caserta presenta la prima tappa del laboratorio intensivo rivolto a giovani attori e non-attori italiani e stranieri dal

Cultura

Prendiamola con filosofia. Lezioni online al tempo di Covid

Pietro Battarra – Prendiamola con filosofia. Brevi lezioni di introduzione online per usare la filosofia come pratica terapeutica e per riflettere criticamente sul presente. Il secondo appuntamento domani mercoledì 8