Lo sapevi che… Dimmi che orecchio hai e ti dirò chi sei

Lo sapevi che… Dimmi che orecchio hai e ti dirò chi sei

Tiziana Barrella (ph Eleana Zaza)

-Charles Darwin, già nell’800 si soffermò con attenzione sullo studio dell’orecchio umano; notò come sono essenziali per la vita stessa, essendo in grado di intercettare suoni e rumori e conseguenzialmente avere il comportamento più adeguato; possono essere molto grandi oppure estremamente ridotte in base al tipo di animale ed alla funzione che in natura esse svolgono, possono essere abbassate o alzate all’occorrenza, evidenziando quindi con il linguaggio del corpo, uno specifico messaggio diretto al proprio rivale o amico. Certamente l’essere umano ha potenzialità minori rispetto agli animali nell’utilizzo del loro organo di senso, ma in ogni caso le orecchie svolgono un ruolo fondamentale nella comunicazione umana. Oltre ad essere indispensabili veicoli di informazioni sonore, hanno anche una grande funzione estetica, la grandezza, la forma più o meno gradevole, la consistenza della pelle, rendono le orecchie una vera e propria cornice per il volto che soventemente l’uomo abbellisce ed adorna con monili di varia natura. Ma l’orecchio è molto più:  il medico francese Paul Nogier approfondì gli studi  dell’auricoloterapia, riconosciuta ufficialmente nel 1990 dall’OSM, poiché le orecchie si prestano perfettamente ad essere una zona “riflessa” del corpo umano, come le mani ed i più famosi piedi. L’orecchio è collegato infatti da una fitta rete di innervazioni al cervello e se si agisce sullo stesso, si possono prevenire e curare molti disturbi o far sparire cattive abitudini come il fumo. Anche la forma si è detto ha un grosso impatto estetico e nel linguaggio del corpo, i messaggi di cui si fanno portatrici le orecchie sono i più disparati: a sventola indicano una persona poca capace di assumere delle decisioni; appuntite, evidenziano persone dal grande senso critico e talvolta aggressive; con lobo piccolo indicano un soggetto molto ambizioso; con lobo grande, persone molto fortunate! 

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 113 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Primo piano

Francesco Piccolo a “Che tempo che fa”, è lui l’amico geniale

Maria Beatrice Crisci – Domenica 9 dicembre, ore 20.35, alla trasmissione Che tempo che fa su RaiUno ci sarà lo scrittore casertano Francesco Piccolo, nelle librerie con “L’animale che mi porto dentro”,

Arte

Brindisi da Donzelli, vini Antropoli & frammenti impertinenti

Maria Beatrice Crisci – Un numero eccezionale di visitatori ha affollato nel pomeriggio di sabato 3 dicembre la galleria Arterrima di Corso Trieste. L’occasione la mostra Frammenti Impertinenti Ter di

Primo piano

Università Vanvitelli, a lezione con il Nobel Michael W. Young

Maria Beatrice Crisci  – Michael Warren Young, Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina all’Università Vanvitelli con una conferenza dal titolo: “Genes controlling sleep and circadian rhythms”. L’evento si