Mala gestio. Il riscatto di Vanvitelli passa anche attraverso i fitti degli alloggi interni

Mala gestio. Il riscatto di Vanvitelli passa anche attraverso i fitti degli alloggi interni

(Beatrice Crisci)             Mala gestio! Il sospetto c’è e riguarda l’uso degli alloggi interni al complesso monumentale della Reggia occupati da dipendenti o loro familiari. La cattiva gestione del complesso vanvitelliano avrebbe arrecato un nocumento alle pubbliche finanze di circa un 1 milione e duecentomila euro.

Non è un semplice dato giudiziario, che ovviamente dovrà fare il suo corso. Se fosse stato solo tale, noi di OndaWebTv non l’avremmo nemmeno preso in considerazione, per la nostra scelta, anche controcorrente, di non dare spazio alla criminalità e alle criminalizzazioni dei nostri territori. Noi preferiamo dare buone notizie in un contesto dove tutto sembra concorrere a favorire un’immagine deleteria del contesto in cui si vive.

In realtà gli inviti a dedurre notificati al Soprintendente pro-tempore e a tre dirigenti dell’Agenzia del Demanio sono il segnale di una legittima attenzione che la Magistratura ha inteso esercitare su quello che era stato già denunciato come caso nazionale dai mezzi di informazione e comunicazione di massa. È stata la Guardia di Finanza di Caserta a condurre specifici accertamenti su delega del sostituto procuratore generale della Corte dei Conti per la Campania Ferruccio Capalbo.

Il passare sotto la lente di ingrandimento la situazione degli alloggi alla Reggia rappresenta un ulteriore contributo a mettere in essere tutte quelle azioni utili per un rilancio del monumento. Il riscatto di Vanvitelli, sotto la cura Felicori, è già iniziato, ma sicuramente ha bisogno del concorso di tutti per poter accrescersi sempre più. La Reggia è Caserta e Caserta è la Reggia. La città ha bisogno che il suo attrattore turistico e culturale funzioni sempre meglio per poter indurre ricchezza al territorio. E la Reggia ha bisogno di una città fatta di imprenditori che sappiano recepire le potenzialità di un indotto economico, di una città che sia governata bene, di una città viva e attrattiva anch’essa.

@beatricecrisci

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7156 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

L’Europa e il Mediterraneo allargato, meeting alla Parthenope

(Claudio Sacco) Importante focus sul terrorismo e sui nuovi scenari della geopolitica, martedì 9 maggio all’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”. Il convegno internazionale, organizzato e coordinato da Viviana D’Aponte,

Primo piano

Quando la poesia si fa pittura, le opere di Prisco De Vivo

(Beatrice Crisci) – “Quelli di Prisco De Vivo sono leggeri e delicati pensieri visivi, frammenti di emozioni poetiche trasposte con il linguaggio delle arti visive: il suo tratto veloce, le

Arte

Non si fermano gli eroi di Star Wars, è ancora mostra al Mann

Pietro Battarra – È stata prorogata fino al 16 settembre prossimo la mostra MannHero. Gli eroi del mito dall’antichità a Star Wars, in corso al Mann, il Museo archeologico nazionale di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply