Milano, sul tavolo in enoteca tris d’assi di Tenuta Fontana

Milano, sul tavolo in enoteca tris d’assi di Tenuta Fontana

(Enzo Battarra) – Cala il suo tris d’assi a Milano l’azienda vitivinicola Tenuta Fontana, con l’aperitivo di degustazione #GoodTime proposto all’Enoteca Boscogrosso, il wine bar & restaurant di via Giacomo Watt 14, in zona Navigli. Nell’accogliente e funzionale locale, punto di riferimento dell’enologia lombarda, protagonisti sono stati l’Asprinio, l’Aglianico e il Falerno del Massico prodotti dall’azienda con doppia sede in Campania, a Pietrelcina nel Sannio e a Carinaro in Terra di Lavoro. I tre vini sono stati naturalmente accompagnati dai piatti prelibati e appropriati dell’Enoteca Boscogrosso. L’incontro enogastronomico ha permesso ai partecipanti di vivere un’esperienza sensoriale unica, alla scoperta dei sapori inconfondibili dei vini di Tenuta Fontana, la cui mission è produrre vini di alta qualità portando l’eccellenza dalla vigna alla tavola. L’azienda coniuga tradizione, modernità ed innovazione con un costante impegno rivolto al progresso.

15322497_1195085887241010_845196657_o

Principe della serata il Civico 44, l’Asprinio di Aversa, classico bianco campano. E’  un vino dal colore giallo paglierino caratterizzato da un sapore fruttato e floreale che declina notevole sapidità e un sentore classico di mela annurca. La sua particolarità nasce dalla metodologia di produzione: infatti vengono utilizzate uve coltivate con il sistema dell’alberata, viti che arrivano a 9 metri di altezza. Esalta il sapore della pizza e delle torte rustiche così come dei formaggi, in particolare della mozzarella di bufala.

Altro vino sovrano è stato il Civico 28, l’Aglianico del Sannio, un gran rosso da tavola, frutto della migliore tradizione campana. Sapientemente prodotto con le più pregiate uve è ideale per accompagnare tutto il pasto, ma dà il meglio di sé con pietanze a base di carni e formaggi. Dal colore 15321487_1195085780574354_1225800721_orosso rubino è un vino morbido e sapido con gradevoli note balsamiche.

In tavola anche il Civico 32, il Falerno del Massico, affinato in barrique per 12 mesi, dal colore intenso, quasi impenetrabile, nello splendore di rari equilibri, robusto e agile nel bicchiere, morbido e severo, declina prugna, mora matura, ma non dolciastra. Il finale persistente corre tra liquirizia e un velo di cenere.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

Parete. Natale al Palazzo Ducale, mercatini e presepe vivente

Pietro Battarra – “Qui a Parete c’è già aria di Natale, nel centro storico così come nel Palazzo Ducale. In tutti i weekend e nei giorni festivi dal 2 dicembre al

Cultura 0 Comments

Pop Poetry Festival, al via la rassegna di poesia performativa

Claudio Sacco  – E’ per oggi venerdì 27 settembre presso il locale “Smav” di Santa Maria A Vico la prima edizione del Pop Poetry Festival. Il grande evento-spettacolo è incentrato

Primo piano 0 Comments

Arte in campo, il docu-film dell’artista Bruno Fermariello

Claudio Sacco – L’appuntamento è per stasera alle 19 presso l’Associazione Culturale “Maksim Gor’kij” di via Nardones a Napoli. E’ qui che sarà proiettato il film documentario “Arte in Campo, il segno magico

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply