Museo Campano, i prodotti del territorio protagonisti

Museo Campano, i prodotti del territorio protagonisti

(Comunicato stampa) -Nella splendida cornice del Museo Campano di Capua si è tenuto l’evento show cooking con menu a tema con i prodotti tipici del territorio. Ha aperto i lavori Ciro Costagliola, presidente dell’IRVAT, Istituto per la valorizzazione e la tutela dei prodotti regionali, il quale dopo aver ringraziato gli enti patrocinanti ha evidenziato l’importanza delle eccellenze agroalimantari campane che rappresentano la cultura rurale, e si inseriscono in un contesto di antiche tradizioni legate alla civiltà contadina delle popolazioni locali. Sono seguiti i saluti poi delle autorità: Gianni Solino, direttore del Museo Campano, che ha sottolineato il rapporto fra cibo e cultura che ben si sposa nella location museale, Loredana Affinito, consigliere comunale di Capua, che ha portato il saluto del Sindaco Adolfo Villano ed ha spiegato i  motivi della manifestazione proprio nella sede museale, di Capua, il sindaco di Marcianise, Antonio Trombetta che ha raccontato l’affinità della cultura rurale fra i territori dei comuni di Marcianise e Capua, Franco D’Amore consigliere Coldiretti Caserta che ha portato il saluto dell’associazione rappresentando la vicinanza a questi eventi culturali e Carlo Marino sindaco di Caserta e presidente dell’ANCI Campania che ha rimarcato il valore delle tradizioni e delle eccellenze dei territori della provincia. Nicola Caputo, Assessore regionale all’Agricoltura ha speso parole di apprezzamento e assicurato la partecipazione della Regione Campania a questi eventi che promuovono i prodotti, ricordando l’iter di approvazione del regolamento De.Co. del Comune di Capua che vede come oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali, risorsa economica, culturale e turistica e strumento di promozione dell’immagine del Paese.

Le testimonianze sono state portate da Rosa Pepe, Crea Orticoltura di Pontecagnano, che ha spiegato il lavoro fatto per il recupero genetico del melone rognoso, Pietro Iadicicco, delegato AIS Caserta che ha raccontato il lavoro sulla ricerca del liquore capuanello e Gaetano Bellofatto, imprenditore custode del melone di Capua che ha condiviso la passione nella produzione tipica ed invitato a visitare la vetrina con i prodotti capuani appositamente allestita.

L’evento è proseguito poi con l’esibizione degli chef dell’Associazione cuochi di Caserta che si sono impegnati in una performance culinaria di preparazione e degustazione di piatti con i prodotti tipici del territorio: mozzarella, ricotta, peperoni di fiume, broccoli, olio di Corniola, ed ovviamente il melone di Capua, arricchiti dalla presentazione, preparazione e racconto della tradizione e storia dei prodotti, egregiamente accompagnati da vini DOC campani.

About author

You might also like

Primo piano

Caserta, gli scavalcamontagne fanno tappa al Parco Cerasole

Claudio Sacco – Continua il tour teatrale di Scavalcamontagne nelle frazioni casertane. La kermesse rientra nell’ambito del progetto Tradizione & Traduzione diretto da Patrizio Ranieri Ciu.  Questa sera tappa al Parco Cerasole a Caserta. Lo

Arte

Seta di San Leucio, da Napoli a Valencia cinque artisti casertani

Maria Beatrice Crisci (in copertina Carlo De Lucia) -“Per la seta, da Napoli a Valencia”. E’ il titolo della mostra che sarà inaugurata domani 3 maggio alle 17.30 presso la

Primo piano

Le sete di San Leucio, in passerella con le miss ungheresi

Redazione -Preziosi abiti storici realizzati con la pregiata seta di San Leucio, conosciuta in tutto il mondo, fanno tappa a Budapest. Una bella occasione per raccontare la storia e il