Museo civico Gaetano Filangieri. Un altro pezzo d’arte napoletano

Museo civico Gaetano Filangieri. Un altro pezzo d’arte napoletano

(Mario Caldara) – Il 19 novembre è una data importante, che testimonierà ulteriormente quanto Napoli sia un pozzo d’arte senza fondo. Il Museo Civico Gaetano Filangieri ha da poco riaperto al pubblico la Sala Agata, al primo piano, interessata da lavori di restauro, cui si potrà accedere tramite visite guidate, che equivarrà ad accedere a parte della storia della città. Il museo è nato grazie alla lungimiranza di un uomo, che in quel posto ci aveva visto più di qualche muro. Gaetano Filangieri, l’uomo in questione, da cui il museo ha preso il nome, ci vide un’opportunità, un luogo in cui la cultura poteva essere padrona di casa. Il Museo, a dire il vero, in quanto edificio, già per la sola ubicazione, è rappresentazione di cultura e storia. Ha sede, infatti, nel quattrocentesco palazzo Como, costruito tra il 1464 ed il 1490 dal ricco mercante Angelo Como nelle forme del Rinascimento fiorentino su disegno di Giuliano da Maiano – su quest’ultimo dato non vi è certezza assoluta. Ma a parte l’ubicazione, a parte la struttura, è il contenuto del museo a essere il frutto della “visione” di Filangieri. Del palazzo Como, quando il Principe di Satriano propose al consiglio comunale di raccogliere lì la sua collezione d’arte, rimanevano la facciata di bugnato e le mura laterali. La proposta del principe allettò fin da subito il municipio: istituire un museo civico era una necessità tanto legata alla salvaguardia della struttura, tanto culturale. Dopo i lavori, durati circa cinque anni, quello che ne venne fuori fu una sorta di studio privato, in cui Filangieri vi raccolse tutte le sue varie e pregevoli collezioni d’arte, numismatiche, la biblioteca e l’archivio. Tali collezioni furono estese contemporaneamente all’abbellimento della struttura con produzioni artistiche locali e con nuovi progetti ed esperimenti artistici. Tuttavia, quando Filangieri, padre del progetto, morì, fu come se a morire fosse lo stesso museo. Questo, infatti, cadde in un profondo oblio con tutte le opere che conteneva, e, come se non fosse sufficiente, sembrò subire il colpo di grazia in seguito all’incendio scatenatosi nel corso seconda guerra mondiale che distrusse una parte del nucleo originario. Per fortuna, molte opere riuscirono a sopravvivere al disastro e furono soggette a un’operazione di restauro, così come la galleria, che fu riaperta negli anni settanta, per poi essere richiusa negli anni novanta. Insomma, ne è passata di acqua sotto i ponti, eppure l’amore che Napoli ha verso la propria arte non è mai cambiato. Nonostante tutto, l’arte ha resistito alle intemperie, agli agenti esterni di natura storica che hanno messo a rischio la sua esistenza. La riapertura della Sala Agata al pubblico è un ulteriore segnale di forza. Oggi, la visione di Filangieri può essere considerata rispettata.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9770 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

“Scuola, mi presento”, l’incontro con il neo assessore Battarra

– Il neo assessore alla Pubblica Istruzione di Caserta Enzo Battarra ha incontrato da remoto questa mattina i dirigenti ed i delegati delle direzioni scolastiche cittadine degli istituti di competenza

Cultura

Calvi Risorta, prima visita guidata al Castello Aragonese

(Redazione) – Gli attivisti della Rete ArcheoCales danno appuntamento domenica 7 agosto, alle ore 10, dinanzi alla cattedrale di San Casto per la prima visita guidata al Castello Aragonese di

Arte

Terremoti (d’arte), al via la rassegna al MAV di Ercolano

Pietro Battarra –Terremoti (d’arte) ed altre storie magmatiche (eArthqakes and others magmatic’s history), è il titolo del ciclo di arte e cultura che per un mese si svolgerà presso il