Musica al Tempo di Vanvitelli, eventi alla Cappella Palatina

Musica al Tempo di Vanvitelli, eventi alla Cappella Palatina

(Comunicato stampa) -Da venerdì 8 a domenica 10 dicembre, alle ore 17.30 nella Cappella Palatina della Reggia di Caserta, torna Musica al Tempo di Vanvitelli, progetto dell’Orchestra da Camera di Caserta per le Celebrazioni Vanvitelliane. L’iniziativa prosegue con un trittico di concerti con ensemble e solisti ospiti all’insegna della napoletanità. Proporrà autori che hanno segnato la vita musicale partenopea dell’epoca e il “Vanvitelli spettatore” e “attento critico”. Venerdì 8 alle ore 17.30, il quartetto il Neapolitano Plectrum Quartet, ensemble di mandolini formatosi all’interno del Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli, proporrà un accattivante programma con musiche originali di epoca vanvitelliana di Francesco Lecce, Johann Adolph Hasse, Carlo Cecere, Roberto Gervasio ed Emanuele Barbella. Di quest’ultimo saranno eseguiti brani il cui gesto compositivo è ispirato da una serie di curiose didascalie, nell’intento di caratterizzarne l’esecuzione e l’ascolto.

Sabato 9, alle ore 17.30, saranno di scena il violinista Roberto Noferini e la clavicembalista Chiara Cattani, affermato duo dedito al repertorio barocco e dalla copiosa discografia anche con “world premiere” di brani inediti. Saranno eseguite sonate e capricci di Tommaso Giordani, Fedele Fenaroli, Antonio Sacchini, Giovanni Paisiello e dei tanto amati da Vanvitelli Johann Adolph Hasse e Johann Cristian Bach.

Il trittico di concerti si concluderà domenica 9 dicembre sempre alle ore 17.30. Al violinista Roberto Noferini e alla clavicembalista Chiara Cattani si aggiungerà Martina Licari, soprano dedita soprattutto al repertorio settecentesco. In programma arie da opere di Johann Adolph Hasse, Domenico Cimarosa e Cristoph Willibald Gluck – definito da Vanvitelli “compositore stravagante” -, e brani strumentali di Nicola Antonio Porpora e Johann Cristian Bach.

Il progetto “Musica al tempo di Vanvitelli”, scelto dal comitato scientifico del Museo nell’ambito del piano di valorizzazione partecipata della Reggia di Caserta, si avvale del sostegno del MiC e della Regione Campania. Trae spunto da quanto colto dal sommo architetto in occasione della rappresentazione al Teatro di San Carlo di Napoli dell’opera Alessandro nelle Indie di Johann Cristian Bach “…Conviene confessare che la Musica non è più privativa dell’Italia. L’armonia, la dolcezza, la grazia, la regolata varietà, e tutt’altro che costituisce Musica e Melodia praticata da questo valentissimo uomo (J.C. Bach) mi ha sorpreso come ogni altro di Napoli…” (Lettera del 16 gennaio 1762). Vanvitelli, dunque, coglie con sorprendente acume e anticipo il nuovo corso della musica e gli elementi che caratterizzeranno quello che viene comunemente definito lo “stile classico”. Il progetto ha avuto inizio con grande successo la scorsa primavera e proseguirà per tutto il periodo delle Celebrazioni.

I concerti sono inclusi nel costo ordinario del biglietto di ingresso o abbonamento al Museo fino a esaurimento posti. L’accesso alla Cappella Palatina è consentito dalle ore 17.15. Il biglietto è acquistabile online su https://ticketone.it./artist/reggia-caserta/ oppure in biglietteria in sede.

BIGLIETTI (fascia oraria dalle 17.00)

Intero – 4.00 euro (+1,00 per acquisto online)

Ridotto – 3,00 euro (+ 1,00 per acquisto online) (per i cittadini comunitari dai 18 ai 25 anni)

Gratuità come per legge.

CALENDARIO

Venerdì 08 dicembre ore 17.30

Reggia di Caserta Cappella Palatina

Neapolitano Plectrum Ensemble

Giovan Battista Gervasio (ca.1725-ca.1785)

Pastorale in re maggiore

Francesco Lecce (seconda metà del sec. XVIII)

Concerto in Sol maggiore

Johann Adolf Hasse (1699-1783)

Concerto op.3 n.11 in sol maggiore

Carlo Cecere (1706-1761)

Sinfonia in sol maggiore a due mandolini e basso

Emanuele Barbella (1718-1777)

Due duetti

dai “Six Duos Pour deux Violons ou deux mandolines avec une basse ad Libitum”

__________

Sabato 09 dicembre ore 17.30

Reggia di Caserta Cappella Palatina

Roberto Noferini violino

Chiara Cattani clavicembalo

Tommaso Giordani (1733 – 1806)

Sonata op.4 n.3 in si bemolle maggiore

Fedele Fenaroli   (1730 – 1818)     

Sonata n.6 in la maggiore per violino e clavicembalo

Johann Adolf Hasse (1699 – 1783)    

Sonata in mi bemolle maggiore per clavicembalo              

Johann Christian Bach (1735 – 1782) 

Sonata in re maggiore op.16 n.5

Giovanni Paisiello (1740 – 1816)    

Partenza e Capriccio a cembalo e violino

______________

Domenica 10 dicembre ore 17.30

Reggia di Caserta Cappella Palatina

Martina Licari soprano

Roberto Noferini violino

Chiara Cattani clavicembalo

Johann Adolf Hasse (1699-1783)      

Sonata in sol minore per clavicembalo

“…Morte col fiero aspetto…” – Aria dall’opera Marc’Antonio e Cleopatra

Nicola Antonio Porpora (1686-1768)

Sonata op.12 n.12 per violino e basso continuo

Domenico Cimarosa (1749-1801)

 “Se son vendicata” – Aria dall’opera Il Matrimonio segreto

Antonio Sacchini (1730 – 1786)      

Sonata op.4 n.4 per violino e clavicembalo            

Johann Christian Bach (1735 – 1782)       

Sonata op.5 n.1 in si bemolle maggiore per clavicembalo

Christoph Willibald Gluck (1714 – 1787)

“Qual vita è questa mai – Che fiero momento” – Recitativo e Aria dall’opera Orfeo ed Euridice

About author

You might also like

Primo piano

Il duo Gassmann-Russo fa un gran volo sul nido del cuculo

(Maria Beatrice Crisci) – Una regia cinematografica quella di Alessandro Gassmann, una regia vera, caratterizzante, coinvolgente, capace di valorizzare il lavoro attoriale ma anche di inventare soluzioni sceniche suggestive. Un week-end

Primo piano

Enzo Avitabile & Peppe Servillo, duetto inedito al Comunale

Maria Beatrice Crisci – Enzo Avitabile & Peppe Servillo, duetto inedito al Comunale per Comunalia – Video

Attualità

Sessa Aurunca. Testimoni di Giustizia, in memoria di Giulia e il suo bimbo

Gaia Nugnes -Il ricordo sia vivo, sempre. Da questa massima parte il premio nazionale “Testimoni di Giustizia e Impegno Civile” che quest’anno sarà intitolato alla memoria di Giulia Tramontano, la