Negli orti sociali si semina speranza, il via alla Jean Monnet

Negli orti sociali si semina speranza, il via alla Jean Monnet

(Luigi D’Ambra) – “Coinvolgere i cittadini in scelte che riguardano il bene comune”. Così Davide Fumante, delegato del Comune di Santa Maria Capua Vetere, ha sintetizzato l’obiettivo dell’incontro di presentazione del progetto “Seminare speranza” per la cura di aree verdi e, in un’ottica di un’economia solidale, la realizzazione di orti sociali condivisi. L’iniziativa è stata presa dalla Parrocchia dell’Immacolata Concezione di Maria Vergine di Santa Maria Capua Vetere, affidata ai Padri Oblati di Maria Immacolata, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche “Jean Monnet”,  la cooperativa L’isola di Arturo Onlus, la Coldiretti Caserta, Farembiente, istituzioni scolastiche di Santa Maria Capua Vetere, l’amministrazione  comunale e altre associazioni di volontariato. A coordinare i lavori la direttrice di OndaWebTv Maria Beatrice Crisci.

Ad aprire l’incontro presso la sede del Dipartimento di Scienze Politiche della Jean Monnet il direttore Gian Maria Piccinelli, che ha sottolineato l’importanza del progetto per gli studenti, che hanno occasione di misurarsi sul campo e mettere in pratica ciò che studiano. A Don Ciro Andreozzi, parroco dell’Immacolata Concezione, il compito di spiegare gli obiettivi e le finalità di un’iniziativa che genera un’ampia gamma di benefici per la comunità. Nel corso degli interventi, Massimo Casertano per la Coldiretti ha evidenziato quanto sia indissolubile il rapporto tra terra, cultura e turismo, considerando il progetto una grande occasione per i giovani. Anche FareAmbiente con Alfredo Di Bello ha dichiarato che “sosterrà il progetto a 360 gradi, perché è un’iniziativa da cui il territorio può trarre beneficio con la riscoperta di risorse nascoste ci cui ci si può giovare”. Quindi, gli interventi dei docenti della Jean Monnet Luigi Colella e Achille Flora. Nel progetto Seminare Speranza sono coinvolti l’Istituto Comprensivo Statale Raffaele Uccella e il Liceo artistico Righi Nervi, entrambi di Santa Maria Capua Vetere.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8812 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte moda design all’Esagono, il gusto dell’estate è a Caserta

Claudio Sacco – E’ per mercoledì 25 luglio l’appuntamento all’Esagono per il tradizionale saluto d’estate, che quest’anno ha il nome esotico e affascinante di “Marrakesh”. Il concept store di piazza

Primo piano 0 Comments

Prenotazioni secondo AstraDay, 16mila accessi in 15 minuti

Maria Beatrice Crisci -«Alle 6:01 di questa mattina il portale per la registrazione al secondo Astra Day è stato attivato: in pochi minuti con oltre 16.000 accessi contemporanei abbiamo registrato

Primo piano 0 Comments

Ferraiuolo ha raccontato favole, Civico 14 ne fa videoracconti

Maria Beatrice Crisci -A partire dal 24 dicembre inizia il progetto «I racconti meravigliosi», ovvero fiabe e storie popolari casertane raccolte dall’antropologo Augusto Ferraiuolo in collaborazione con Mutamenti / Teatro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply